Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Roma, 23 marzo 2020 – Angelo Crescenzo, classe ’93, è il quarto karateka azzurro qualificato ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 in programma quest’estate. Negli ultimi due anni, dalla vittoria nel Mondiale 2018, il percorso verso questo obiettivo è stato lungo e tortuoso, ma Angelo è riuscito a guadagnare il terzo posto nel ranking mondiale nei -60kg di kumite, assicurandosi così l’accesso diretto alle prime Olimpiadi in assoluto in cui è presente il karate. Di tutto ciò abbiamo parlato insieme a lui.

Quando arriva la notizia ufficiale, in questi casi, chiaramente c’è da aspettarselo, dopo anni di lavoro a quell’obiettivo, ma l’emozione rimane difficilmente contenibile. Sicuramente se ripenso al primo giorno in cui ho indossato il kimono, circa 15 anni fa, e penso dove sono ora mi rendo conto che non avrei mai immaginato una carriera così importante. Quando il karate nel 2016 è stato ufficializzato alle Olimpiadi di Tokyo sapevo che questa sarebbe stata un’occasione per scrivere una parte di storia del karate italiano. Non mi sono fermato a pensare se ci fosse o meno la possibilità di partecipare, ho semplicemente iniziato a lavorare affinché questo sogno diventasse realtà. La qualificazione è stata davvero complicata per le modalità con cui si è svolta. Considerando che nella mia categoria, su un circuito di 20 competizioni, soltanto i primi due avrebbero avuto la possibilità di accedere automaticamente alla competizione olimpica, posso dire che non è stato per nulla facile.

Grazie ad una grandissima cooperazione tra lo staff del Gruppo Sportivo dell'Esercito, del Team della Nazionale Italiana e del mio Maestro Antonio Califano siamo riusciti a centrare questa qualificazione olimpica, portando a casa ben 15 risultati utili su 18 competizioni disputate (2 purtroppo non sono riuscito a svolgerle a causa di un infortunio).”.

Certamente è un momento molto particolare e difficile per l’Italia in particolare e per il mondo in generale. L’emergenza Covid-19 entra a gamba tesa anche nel mondo sportivo, negli allenamenti quotidiani e nella preparazione alle gare che contano, mettendo in dubbio addirittura le Olimpiadi stesse. “Purtroppo anche noi atleti, com’è giusto che sia, siamo costretti a rimanere a casa per evitare di ampliare i contagi e gli allenamenti sono ridotti alle poche possibilità che abbiamo nell' ambiente domestico. Sicuramente non è facile e le limitazioni sono tante, soprattutto dettate dalla mancanza di un partner con cui potersi allenare. Ma credo che al momento la cosa più importante è superare la crisi mondiale, quindi anche se dobbiamo vivere con queste restrizioni, è giusto che sia così. Si fa quello che si può cercando di dare spazio alla fantasia, e intanto ne approfitto per ricaricare un po’ le batterie dopo questi ultimi due mesi super intensi.

In ogni caso, nonostante la possibilità che l’edizione olimpica di Tokyo sia rinviata, tra qualche settimana inizierà il mio percorso di preparazione. Ci sono ancora da pianificare alcuni dettagli ma in generale posso dire che si inizierà da una preparazione fisica accurata (dato anche il mio cambio di categoria da 60kg a 67kg) fino ad arrivare a qualche test gara nella nuova categoria, sempre che la situazione sanitaria lo permetta.”. 

Proprio il cambio di categoria è un elemento molto importante. La categoria di Angelo (-60kg) è stata infatti accorpata ai -67kg e questo aumenterà sicuramente le difficoltà e la preparazione. Ma cosa significa esattamente? “Sicuramente le difficoltà aumentano. Ci si trova ad affrontare avversari di peso e altezza superiori, che si traduce in una distanza di combattimento diversa dal solito. Si dovrà sicuramente affrontare una preparazione accurata tenendo conto di questi fattori. Sinceramente la preparazione non mi spaventa, anche perché sia in ambiente Nazionale sia nel Club mi ritrovo spesso ad affrontare avversari di pesi superiori. Inoltre negli anni ho avuto anche modo di affrontare qualche gara Open come in occasione del Campionato Mondiale di Linz 2016, dove gareggiavo nella competizione a squadre, con risultati molto positivi. Ci sarà da ottimizzare il tutto, data l'importanza dell’appuntamento olimpico, ma posso dire che la situazione mi stimola ancora di più a far meglio.”.

Viviana Bottaro, Luigi Busà e Mattia Busato sono i colleghi di Angelo già qualificati. L’Italia sarà anche una squadra dunque. “Loro sono state tra le prime persone che ho informato del pass olimpico. Questo percorso di qualificazione è durato due anni e ci ha uniti molto, facendoci condividere tanti momenti, sia belli che brutti. Inoltre solo chi vive a pieno quelle situazioni può comprenderle. Per ora a causa della situazione sanitaria nazionale, siamo costretti ad allenarci a casa, ma presto ci sposteremo al Centro Olimpico Matteo Pellicone dove riprenderemo insieme gli allenamenti e inizieremo a preparare questa edizione olimpica 2020.”.

Angelo finora ha già conquistato, fra tante altre vittorie, anche un oro iridato e due argenti europei. È interessante, prima della gara della vita, scoprire quali sono state la vittoria e la sconfitta che più lo hanno fatto crescere. “Per quanto riguarda le vittorie, l'oro iridato del 2018 ha avuto un’importanza fondamentale sia in termini di punteggi per la mia qualificazione olimpica, sia dal punto di vista formativo. Il raggiungimento di obiettivi così di rilievo sono il frutto di lunghi e faticosi allenamenti, e di sicuro quando i feedback sono positivi si ha la possibilità di prendere coscienza che il percorso di preparazione è stato affrontato al meglio. Aggiunto a questo, credo che ogni vittoria dal punto di vista emotivo faccia assumere quella consapevolezza delle proprie capacità e pone le basi per poter puntare ad obiettivi sempre più importanti. Tra le sconfitte che mi hanno insegnato tanto ce ne sono più di una. Quelle che più hanno segnato dal punto di vista formativo la mia carriera, sono state quella della finale ai Campionati Europei 2018 e quella della Premier League di Parigi del 2020. Per me si definisce ‘sconfitta’ qualunque obiettivo non raggiunto, quindi nonostante la medaglia d' argento agli Europei di Novi Sad posso dire che quella è stata una delle sconfitte più significative.”.

Il karate alle Olimpiadi è una prima assoluta e la pressione si raddoppia. Come si gestisce? La possibilità di rappresentare l'Italia alla prima apparizione olimpica per il karate è sicuramente importante e mi rende ancora più orgoglioso della qualificazione. Considerando che fin da piccolo ho sempre seguito le Olimpiadi in tv, vedendolo come il sogno per ogni atleta, so che le pressioni non saranno poche. Ma sono sicuro che come qualunque altra competizione che mi trovo ad affrontare, quando si indossa il kimono e i guantini, il mondo resta fuori ... e si pensa solo a combattere.”.

Ed essendo la competizione più ambita, ci saranno gli atleti più forti al mondo. Ce ne sono alcuni da temere più di altri? Considerando, appunto, che prenderanno parte alle Olimpiadi solo i miglior 10 atleti di ogni categoria, e considerando l’unione delle due categorie (60kg e 67kg), sono consapevole che dovrò affrontare le eccellenze del karate mondiale. Non credo di poter parlare di timore nei confronti degli altri avversari, ma sicuramente posso dire che l'idea di potermi confrontare con gli atleti dell'élite mondiale, soprattutto in una categoria che non è mia, mi stimola tanto. Sarà di sicuro una gara difficile e in un contesto nuovo, ma le sfide difficili sono quelle più belle.”.