Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/medium/thumbnail.jpg
Sumo

Sumo - L'esperienza al Mondiale di Zanetti: "Torno a casa con nuovi spunti su cui lavorare"!

Abbiamo raccolto le impressioni di Enrico Zanetti, vicecampione europeo di sumo sportivo (categoria 115 kg) approfittando del suo esordio ai mondiali senior a Taiwan (20-22 luglio 2018)... La parola ad Enrico!


"Questo weekend a Taiwan ho potuto fare il mio esordio nella categoria senior ai mondiali di sumo sportivo. In questo 2018 avevo già avuto diverse occasioni per confrontarmi con il sumo pratico a livello europeo. La prima sfida è stata la Erd Cup di gennaio, dove ho ottenuto due terzi posti che rappresentano punti importanti per la qualificazione ai World Games. Successivamente ho partecipato al campionato Europeo guadagnandomi il titolo di vice-campione Europeo nei 115 kg.

Per questi mondiali la scelta della commissione nazionale è stata quella di farmi combattere solamente nella categoria degli Open, una delle categorie più difficili che si possano fare, soprattutto al primo anno seniores, tuttavia io e la mia società Judo Kawa abbiamo deciso di accettare la sfida. Durante la competizione al primo incontro ho affrontato un atleta Australiano, che ha avuto la meglio su di me per un soffio, dopo un incontro molto tirato. Purtroppo il mio avversario non è riuscito a superare il turno successivo, negandomi la possibiltà di essere ripescato. Si è così conclusa la mia gara con molto amaro in bocca. Tuttavia, partecipare per la seconda volta ai mondiali - dopo l'esperienza che ho avuto da junior in Mongolia - mi ha dato di nuovo la possibilità di confrontarmi con lo stile di sumo di altri paesi (europei e non), prendendo quindi spunto per il lavoro che dovrò affrontare quest’anno con il mio tecnico Gianni Finati e la mia società Judo Kawa. Conto così di prepararmi al meglio per le prossime competizioni, nella speranza di poter ritornare a combattere nella mia categoria dei 115 kg, dal momento che è la categoria in cui detengo anche il titolo di campione italiano.

Dal lato più strettamente legato alla competizione, ci tengo a sottolineare che sono contento anche del bel gruppo che si è creato con gli altri ragazzi convocati nella Nazionale: è stata un'occasione per allenarci e prepararci assieme per la competizione mondiale, con spirito di collaborazione e amicizia."

(Media Team – FZ)