Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/Asya_tavano2_european_cup_zagabria_100319.jpeg
Judo

Brilla l’oro di Tavano nella Cadet European Cup di Zagabria, Stoppari di bronzo!

Si è appena conclusa l’European Cup Cadetti di Zagabria, prova del circuito mondiale Under 18 con 34 nazioni e oltre 700 atleti presenti, alla quale hanno partecipato due atlete FVG portando a casa altrettante medaglie.
Brilla l’oro di Asya Tavano (Sport Team Udine) che dopo il titolo italiano della scorsa settimana si impone oggi anche in campo internazionale nella categoria dei +70kg sbaragliando le avversarie.

Senza sbavature il percorso di Asya che conclude la gara senza aver subito alcun punto a sfavore. Al primo incontro, dopo aver segnato un waza ari, supera l’ucraina Krasnikova facendole prendere la terza penalità, mentre nel secondo turno si sbarazza prima del termine della cipriota Michailidou. Nella semifinale è evidente la superiorità di Asya che in pochissimo tempo fa prendere tre sanzioni all’avversaria, la moldava Diacenco. In finale non c’è scampo per la francese Zatchi Bi che dopo un minuto e mezzo subisce un waza ari trasformato abilmente in ippon di osae komi da parte dell’atleta udinese che commenta così la sua gara “Sto vivendo un momento magico, abbinare il titolo italiano Cadetti e il primo posto in una European Cup di livello come questa di Zagabria è stato un risultato fantastico che mi ripaga del duro lavoro che sto facendo in palestra. Nella semifinale con la moldava e nella finale con la francese ho espresso un judo di attacco. Ora spero di conquistare un altro podio in Europa vestendo la maglia della Nazionale. Domani di nuovo al lavoro in palestra per continuare a crescere”.

Nella prima giornata è invece la giovanissima triestina Emma Stoppari (SGT) a conquistare un bellissimo bronzo nella categoria -44kg al suo primo anno nella classe cadetti.
Grande gara quella di Emma che ottiene una medaglia importante in vista degli obiettivi futuri. Al primo incontro la triestina liquida la slovena Vrbancic per ippon di sankaku gatame. Al secondo incontro Emma si sbarazza della quotata francese Lagarde con un waza ari di o uchi gari. Quarti di finale con la temibile ungherese Vaska che passa subito in vantaggio per waza ari di uchi mata ma poi Emma piazza un micidiale koshi jime che costringe alla resa l'avversaria. Semifinale con la francese Vo dove Emma non riesce ad esprimersi al meglio: incassa un waza ari di tomoe nage e non riesce a rimontare. Finale per il bronzo con l'altra francese Louchene: Emma comincia alla grande facendo sanzionare la transalpina e poi chiude ancora con il suo micidiale sankaku gatame fino all'ippon che le fa liberare la gioia “Sono molto soddisfatta del risultato che ho ottenuto, anche se avrei potuto dare di più nella semifinale. Questa è la mia prima medaglia ad un European Cup, e ovviamente mi impegnerò ancora di più per far sì che non sia l'ultima”. Risultato importante vista anche la giovane età dell’atleta biancoceleste.

In generale, mentre in campo maschile ci pensa Samuel Salvo a tenere alto il Tricolore con il secondo posto nella categoria dei -66kg, in campo femminile, ad esclusione dei -63kg, l’Italia piazza almeno un’atleta a podio in tutte le categorie: oro per Tavano e Dispenza (-40kg), argento per Russo (-52kg) e Mengucci (-70kg), bronzo per Stoppari e Avanzato (-44kg), Carna (-48kg) e Lisciani (-57kg).

“A solo una settimana di distanza dai Campionati Italiani i nostri cadetti si sono fatti onore anche in Europa conquistando a Zagabria 9 medaglie e migliorando sia in quantità che qualità il risultato 2018 – sono state le parole di Raffaele Toniolo, Presidente CNAG - Zagabria concludeva il primo periodo delle tappe europee del World Tour Cadets e possiamo dire che anche per il 2019 i nostri U18 saranno in grado di regalarci soddisfazioni!”

Con un totale di nove medaglie (due ori, tre argenti e quattro bronzi) l’Italia si piazza così al secondo posto del medagliere per Nazioni dietro all’Ungheria, con un oro in più, e davanti all’Ucraina.