Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/lahboub_esordio_grand_prix_marocco.jpg
Judo

Esordio per Lahboub al Grand Prix di Marrakech con la nazionale del Marocco!

Si è concluso un fine settimana ricco di manifestazioni judoistiche, sia nazionali che internazionali. Per classe junior-senior i principali appuntamenti erano il Grand Prix di Marrakech, che assegnava punti valevoli per la qualificazione olimpica, e l’European Cup Senior di Uster-Zürich.
 
Dal Marocco non è arrivata nessuna medaglia per l’Italia rappresentata da 16 atleti, tra cui la triestina Elisa Marchiò (in forza all’Esercito) che nei +78kg è stata fermata al primo turno dalla lituana Janlonskyte.
I migliori piazzamenti sono stati ottenuti da Francesca Giorda e Alessandra Prosdocimo, entrambe quinte rispettivamente nei 48kg e nei 70kg, e da Matteo Piras, settimo nei 66kg. A Marrakech ha esordito in campo internazionale vestendo per la prima volta i colori del Marocco Mohammed Lahboub, atleta del Fenati Spilimbergo. Lahboub, che era al suo primo Gran Prix, ha concluso la sua gara nei 100kg al primo turno con l’estone Minaskin: "È stata una esperienza molto divertente e importante che mi avvicina ai miei obiettivi e ai miei sogni, partecipando a questo evento infatti è cresciuta in me la consapevolezza di poter far parte di questa elite di Judoka di alto livello. Per quanto riguarda il risultato sono molto amareggiato per com'è andata ma questa sconfitta servirà a migliorarmi per arrivare sempre più in alto!"
 
Dalla Svizzera brilla l’oro di Mattia Miceli nei 66kg, risultato che conferma il suo periodo di forma dopo la medaglia ottenuta all’Open di Roma, a cui si aggiungono le medaglie di bronzo di Alessandro Aramu nei 60kg, di Tiziano Di Federico nei +100kg, di Elisa Adrasti nei 48kg e di Chiara Palanca nei 52kg. In gara, tra i molti italiani che hanno preso parte alla competizione, c’erano Gino Gianmarco Stefanel, del Kuroki Tarcento, battuto al golden score dall’olandese Ten Heuvel nei 73kg, l’azzanese Mariasole Momenté (Dojo Equipe Bologna), che ha sconfitto al primo turno dei 63kg Ziegler (Ger), per poi essere fermata dall’atleta di casa Hilbrand, ai quarti di finale, e dalla corata Oberan ai ripescaggi e Marta Palombini (Judo Preneste) che con due incontri vinti e altrettanti persi ha conquistato il 7° posto nei 63kg.
 
Risultati completi: