Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2020/medium/CAMP_JUDO_ESTATE_AMPEZZO.jpg
Judo

Storie di ripartenze: in corso ad Ampezzo il 17° Camp Judo e Sport!

E sono 17! Nonostante l’emergenza Covid ancora in corso con le conseguenti numerose restrizioni, anche quest’anno ha preso il via il 17° Camp Judo E Sport, organizzato dallo Sport Team Udine nella splendida cornice di Ampezzo Carnico.

Troppo forte la voglia di ripartire dopo gli “interminabili” mesi di lock-down per una cinquantina di judoka provenienti dalla nostra regione, ma non solo, che si sono ritrovati a calcare il tatami allestito presso il Centro Sportivo, pronti a mettersi ancora una volta in gioco nonostante le mille incertezze legate al periodo.

“Gli allenamenti si stanno svolgendo come da programma – è stato il commento di un soddisfatto Luigi Girardi, responsabile della Direzione Tecnica - i ragazzi sono stati divisi in due gruppi, Esordienti A/B e Cadetti/Junior, e al mattino svolgono delle sessioni di tecnica e di preparazione fisica, mentre nel pomeriggio l’allenamento è dedicato al lavoro specifico sulle prese e al Randori. I protocolli sanitari ci hanno imposto una riduzione del numero dei partecipanti, ma consentono comunque lo svolgimento delle attività anche presso la struttura ricettiva, dove all’interno è obbligatorio l’uso delle mascherine. Siamo comunque fortunati perché gli ampi spazi all’aperto messi a disposizione dai gestori permettono agli atleti un’attività sportiva alternativa nelle ore libere dagli allenamenti”.

“Sono molto contento di far parte di questo gruppo e di essere venuto a questo Camp – gli fa eco il tecnico Renzo Barbarotto - Le nuove regole di gestione logistica legate al Covid non sono poche ma l’instancabile team dell’organizzazione si sta dando da fare perchè vengano rispettate: dopo tutto si tratta di portare la mascherina, misurare la febbre, osservare le distanze e altre cosine, che sono una scocciatura, è vero, ma sono necessarie e per questo tutti si attengono alle regole. Insomma non ci facciamo demoralizzare di sicuro… dopo tutto siamo judoka!”.