Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2020/medium/PODIO_TROFEO_SHIMAI_2020.jpg
Judo

Il Judo Treviso conquista il XII Trofeo Shimai! SGT prima nella IV Coppa Ragazzi!

È il Judo Treviso ad aggiudicarsi la Coppa quale Società prima classificata nelle classi Esordienti al Trofeo Shimai, svoltosi oggi a Cicconicco di Fagagna. Seguono sul podio Società Ginnastica Triestina e Kuroki Tarcento, per una gara che ha visto la partecipazione di ben 33 club tra quelli regionali e dei vicini Veneto e Slovenia.
Per ciascuna categoria d’età sono stati assegnati agli atleti migliori della giornata dei buoni per dei judogi offerti dal Decagroup. A vincere il premio nella categoria Esordienti A maschili è stato Ziva Sorzak (Judo Maribor), per quella femminile Elena Dionisio (Judo Tolmezzo), mentre per gli Esordienti B maschili Nik Lark (Judo Maribor) e per quella femminile a Maja Forese (Judo Treviso).

Nel pomeriggio si è svolta anche la quarta Coppa Ragazzi, che ha visto salire sul podio, nell’ordine, SGT, Judo Vittorio Veneto e Fenati Spilimbergo.

Complessivamente soddisfatto della giornata il Presidente dello Shimai Nicola Di Fant: “La nostra è una gara che si colloca all’inizio dell’anno, anche perché è una delle poche date libere nel calendario. È stato scelto, per quest’anno, di concentrarci sulle categorie giovanili (U15, U13, U12), anche per non andare a sovrapporsi ad altre manifestazioni più importanti nelle classi d’età più grandi. Quest’anno hanno partecipato molte Società, provenienti dal Friuli, ma anche dal Veneto e qualche società straniera, in particolare dalla Slovenia. In questa edizione non abbiamo avuto squadre austriache, che normalmente sono presenti, speriamo di averle con noi il prossimo anno”.

Quasi 200 gli atleti che hanno calcato il tatami nelle classi esordienti, mentre una cinquantina i judoka più giovani: “Ci è venuta l’idea di proporre la Coppa Ragazzi per mettere a disposizione una gara che possa offrire un primo approccio all’agonismo: terminato il Criterium, infatti, i ragazzi hanno un solo anno di Esordiente A per abituarsi a un sistema di gara decisamente più impegnativo. Questa manifestazione vuol dar modo ai più giovani di farsi un po’ le ossa”.