Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

International Challenge a Bahia, Laura Di Toma: “Grande esperienza per questi ragazzi”

/immagini/Judo/2014/184516301114dsc_0357.jpg

Ostia, 1 dicembre 2014. La giovane Italia è stata sconfitta dal Brasile nell’International Challenge a Bahia, manifestazione inaugurale del nuovo Pan American Center for Judo in Lauro de Freitas. Si è trattato di un grande evento per la Confederazione brasiliana rappresentata dal presidente Paulo Teixeira Wanderley e per la Pan-American Judo Confederation rappresentata dai suoi dirigenti, che hanno espresso unanime soddisfazione: “Stiamo sviluppando i nostri progetti – ha detto il Vicepresidente della Confederazione brasiliana John Rocha – e non solo nella parte tecnica, ma anche con questa nuova struttura, che sarà la casa del judo brasiliano e Pan-Americano”. La gara ha registrato nell’ordine la vittoria di Bahia Mayara Oliveira su Francesca Posocco nei 52 kg (waza ari), di Marcelo Contini su Leonardo Casaglia nei 73 kg (wazari e yuko), Mariana Silva su Chiara Carminucci nei 63 kg (ippon). “È stato un match equilibrato – ha detto Mariana Silva – che sono riuscita a chiudere a terra e sono felice di aver aiutato la squadra a vincere. Questa nuova bellissima struttura spingerà il judo brasiliano ad evolvere ancora”. Sul 3-0 il Brasile non ha rallentato ed Eduardo Bettoni (90 kg) e Rochelle Nunes (+70 kg) hanno superato Davide Pozzi (90 kg) e Debora Sala (+70 kg), entrambi per ippon, chiudendo così con il punteggio di 5-0. Laura Di Toma, Coach dell’Italia, ha apprezzato l’opportunità e ha sottolineato l’importanza di questa esperienza per gli atleti. “Abbiamo aderito con una squadra che ha ottenuto risultati interessanti a livello giovanile ed è stata per loro una grande opportunità per maturare un’esperienza cui di certo non sono abituati, con tv, giornalisti, tifo calcistico, interviste e musica anche durante gli incontri. Sono tutti molto felici ed emozionati – ha aggiunto Laura Di Toma – e desidero ringraziare la Confederazione brasiliana che ci ha offerto questa opportunità, l’intera organizzazione merita le nostre congratulazioni”. Le delegazioni rimarranno a Lauro de Freitas fino mercoledì 3 per il training camp, poi dal 4 all’8 arriveranno 800 atleti fra i 15 ed i 20 anni per selezionare i titolari delle squadre U18 e U21.

 

Altre News