Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Loporchio, Paissoni e Mungai sul podio a Bucarest, Parlati e D’Arco a Leibnitz

images/European-Judo-Open-Men-und-Women-Bucharest-2017-06-03-252237.jpg

Ostia, 5 giugno 2017. L’Italia è salita sul podio a Bucarest e Leibnitz anche nella seconda e conclusiva giornata di gare dell’European Open in Romania e dell’European Cup Junior in Austria. È arrivata un’altra medaglia d’argento, la quinta per l’Italia nell’Open a Bucarest, con Giuliano Loporchio che ha ottenuto quattro vittorie nei 100 kg, mentre Carola Paissoni nei 70 kg e Nicholas Mungai nei 90 kg hanno completato le rispettive gare con tre e quattro vittorie che hanno portato due belle medaglie di bronzo. “Prima di cominciare a combattere non mi sentivo benissimo – ha detto Mungai - per cui ho cercato di rimanere tranquillo e di affrontare la gara un incontro alla volta. La poule era buona e sapevo di poter fare bene. Mi sarebbe piaciuto gestire meglio l’incontro dei quarti di finale con l'azero (Safguliyev, ndr) ma sono comunque contento per il risultato”. È di cinque secondi e quattro terzi posti il risultato ottenuto dall’Italia a Bucarest, che ha registrato anche sette quinti e nove settimi posti, per un totale di 25 atleti, su 60, arrivati al final block. Altre medaglie sono andate al collo degli italiani anche a Leibnitz e più in particolare negli 81 kg, dove Christian Parlati ha meritato l’argento con quattro vittorie e Salvatore D’Arco il bronzo con lo stesso numero di vittorie. Il percorso di gara dei due azzurri si è incrociato in semifinale e Parlati ha prevalso per tre sanzioni a due. Lo score finale dell’Italia, sesta nel medagliere con un primo, tre secondi e tre terzi posti, è completato da 2 quinti e 6 settimi posti, per 15 atleti al final block su 61.

Altre News