Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Grande Mungai, è d’argento la chiusura nel Grand Prix a Tel Aviv

images/large/20190126_NMungai_SminkNED.JPG

Un grande Nicholas Mungai ha messo il cappello al Grand Prix che una splendida Italia ha disputato a Tel Aviv. Con una gara maiuscola il 25enne dell’Esercito ha guadagnato la finale nei 90 kg, che ha disputato con il francese Axel Clerget, bronzo al mondiale 2018 a Baku. Prima ha ottenuto quattro vittorie chiare e brillanti, sempre per ippon, su Tiago Rodrigues (Por), Milan Randl (Svk), Colton Brown (Usa) e Jesper Smink (Ned). “La gara di Nicholas è stata senza sbavature e molto concreta. – ha detto Raffaele Toniolo, che l’ha seguito in gara - La finale con il bronzo mondiale Clerget è stato un bellissimo incontro al limite per entrambi. Il transalpino è stato bravo a sfruttare l’unica incertezza di Nicholas e fare suo l’oro al Golden Score. A Nicholas serviva un bel risultato è l’ha ottenuto e da domani si pensa a Parigi”. Un incontro l’ha vinto anche Melora Rosetta nei 78 kg, mentre Giuliano Loporchio (100) ed Elisa Marchiò (+78) si sono fermati al primo turno, ma la trasferta a Tel Aviv è stata un segnale positivo per tutti, indipendentemente da quanto si sia riusciti a raccogliere individualmente. Perché sei medaglie, tre settimi posti ed il secondo posto nel medagliere rappresentano un patrimonio di fiducia condiviso con tutti gli atleti italiani che hanno cercato un’opportunità di cogliere. “Diciamo che sono soddisfatto al 90% - ha concluso Nicholas Mungai - Sono contento perché ho aperto il 2019 con un medaglia e qualche punto per la qualifica. Purtroppo in finale ho perso per una distrazione e anche se era un incontro difficile oggi stavo bene e la medaglia sarebbe potuta essere di un colore diverso. Vorrei ringraziare la mia famiglia che, da sempre, mi sostiene in questa avventura, l’Akiyama Settimo Torinese, che è la società dove mi alleno mattina e sera quando non sono a Ostia, Raffaele Toniolo, che oggi è stato indispensabile ed il Gruppo sportivo dell’Esercito”.

Risultati terza giornata.

90: 1) Axel Clerget (Fra); 2) Nicholas Mungai (Ita); 3) Mammadali Mehdiyev (Aze) e Jesper Smink (Ned)

100: 1) Alexandre Iddir (Fra); 2) Benjamin Fletcher (Irl); 3) Grigori Minaskin (Est) e Kayhan Ozcicek-Takagi (Aus)

+100: 1) Or Sasson (Isr); 2) Yakiv Khammo (Ukr); 3) Anton Krivobokov (Rus) e Aliaksandr Vakhaviak (Blr)

78: 1) Klara Apotekar (Slo); 2) Loriana Kuka (Kos); 3) Aleksandra Babintseva (Rus) e Katie-Jemima Yeats-Brown (Gbr)

+78: 1) Iryna Kindzerska (Aze); 2) Yelizaveta Kalanina (Ukr); 3) Rochele Nunes (Por) e Anamari Velensek (Slo)