Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Prosdocimo quinta a Marrakech, Uster d’oro per Miceli e per Dispenza a Zagabria, da Genova i risultati U18

images/2019/large/EJU-Cadet-European-Judo-Cup-Zagreb-2019-03-09-Tino-Maric-357798.jpg

Un altro quinto posto per l’Italia nel Grand Prix a Marrakech. Nella seconda giornata di gare è stata Alessandra Prosdocimo che è arrivata fino alla finale per la medaglia di bronzo con una gara degna di nota in cui ha vinto tre incontri con Arrey (Cmr), Taeymans (Bel) e Maekelburg (Ger). “Alessandra ha dimostrato crescita e consapevolezza – ha detto il responsabile del Centro Sportivo Carabinieri, Luigi Guido - sensazione analoga a quella avuta ieri da Piras. Peccato per l’incontro ai quarti, la quantità di attacchi non è stata premiata e uno di questi è costato l'incontro. Nel recupero poi, Alessandra si è infortunata alla spalla per uscire dall’immobilizzazione, e nella finale bronzo ha pagato pegno. Lunedì valuteremo l’entità del danno, per ora complimenti al suo grande coraggio”. Meno fortunate le prove di Leonardo Casaglie, Emanuele Bruno (73), Carola Paissoni (70), domani in gara Domenico Di Guida (90), Melora Rosetta, Linda Politi (78), Elisa Marchiò, Eleonora Geri (+78). Classifiche 2^ giornata

63: 1) Leski (Slo), 2) Haecker (Aus), 3) Van Den Berg (Ned) e Piovesana (Gbr)

70: 1) Pinot (Fra), 2) Fletcher (Gbr), 3) Vargas Koch (Ger) e Teltsidou (Gre)

73: 1) Iartcev (Rus), 2) Shavdatuashvili (Geo), 3) Turaev (Uzb) e Bouchard (Can)

81: 1) Ivanov (Bul), 2) Albayrak (Tur), 3) Ntanatsidis (Gre) e Szwarnowiecki (Pol)

Ottimi risultati sono stati ottenuti anche a Uster, nella prima giornata dell’European Cup Senior (297 atleti, 22 nazioni), con il primo posto nei 66 kg di Mattia Miceli ed i terzi posti di Alessandro Aramu nei 60 kg, Elisa Adrasti nei 48 kg e Chiara Palanca nei 52 kg.

E meglio ancora hanno fatto i cadetti impegnati a Zagabria nell’European cadet Cup (723 atleti, 34 nazioni) conquistando ben sei medaglie nella prima giornata, l’oro nei 40 kg con Chiara Dispenza, due secondi posti con Sara Russo (52) e Samuel Salvo (66) e tre terzi con Emma Stoppari (44), Asia Avanzato (44) e Giulia Carnà (48). Questi i loro commenti. Chiara Dispenza: “A distanza di una settimana dal campionato italiano cadetti, nel quale ho ottenuto il primo posto e l’agognata cintura nera, questa medaglia d’oro ora mi fa ben sperare per i prossimi appuntamenti in Europa. Dedico questa vittoria alla mia famiglia, ai miei maestri Marco e Fabrizio Fantauzzo e ai miei compagni dell'Hydra Palermo”. Sara Russo: “Sono soddisfatta di questa medaglia. Certo con un po' più di attenzione sarebbe potuta essere di un colore diverso... Voglio ringraziare in particolar modo i miei genitori che nonostante tutto non hanno mai smesso di credere in me e mi hanno permesso di essere qui oggi”. Samuel Salvo: “La gara è stata molto impegnativa, ma sono riuscito a gestire discretamente gli incontri grazie al mio coach Pierangelo e mia madre che mi ha supportato mentalmente. Tuttavia la finale, malgrado stessi vincendo, è andata male, per un mio errore ingenuo. Voglio ringraziare tutti i miei amici, la mia palestra ed in particolare il mio migliore amico Federico Cuniberti e Massimiliano Carollo che mi ha seguito da casa”. Emma Stoppari: “Sono molto felice per com'è andata la gara, questa è la mia prima medaglia ad un’European cup e di certo mi impegnerò ancora di più affinché non sia l'ultima. Anche se la semifinale era alla mia portata sono contenta di aver ottenuto una medaglia”. Asia Avanzato: “Questa gara non è iniziata come volevo, infatti mi sentivo poco carica e molto stanca. Perso il primo combattimento ho capito che per raggiungere la medaglia dovevo dare di più. Incontro dopo incontro ho iniziato a dare il meglio di me riuscendo alla fine a classificarmi terza. Nel complesso sono contenta per com’è andata e sono molto felice di essermi portata a casa un’altra medaglia”. Giulia Carnà: “Sono contenta per questo risultato, anche se speravo di fare meglio. È stata una tappa importante nel mio percorso judoistico e adesso si ricomincia a lavorare. Ringrazio i miei maestri Marco Fantauzzo e Fabrizio Fantauzzo”.

A Genova infine, si è conclusa la prima giornata del 31° Trofeo Città di Colombo con la prova Grand Prix riservata alla classe cadetti, questi i risultati dell’Under 18.

40: 1) Lucrezia Tantardini (Judo Castelletto)

44: 1) Kessy Pignon (Judo Marseille), 2) Alice Troiani Centro Scuole Judo), 3) Chiara Maccagno Kumiai Judo) e Anna Iovino (New Crazy Fitness)

48: 1) Carlotta Parrinello (Akiyama Setttimo), 2) Sofia Marilea Daguanno (Bushido Trapani), 3) Ottavia Maria Musso (Pol. Astigiana) e Miriam Leone (Judo Club Leone)

52: 1) Aurora Dipalo (Kito-Ryu), 2) Giorgia Cannara (Girolamo Giovinazzo), 3) Giulia Fornaro (Shihan Sermoneta) e Marta Sapia (Akiyama Settimo)

57: 1) Matilde Tagliabue (Judo Club Lissone), 2) Siria Zago (Centro), 3) Claudia Sperotti (Equipe Judo Caldogno) e Margherita Spadoni (Sakura Osimo)

63: 1) Capanni Dias Thauany David (Judo Preneste), 2) Sara Corbo (Nippon Pomezia), 3) Eleonora Principe (Sinergy Lodi) e Giulia Frosoni (Centro Scuole Judo)

70: 1) Vincenza Amendola (Kodokan Lucania), 2) Alessia Beolchi (Fitness Club Nuova Florida), 3) Giorgia Freschi (Judo Vittorio Veneto) e Martina Barzellotti (Libertas Firenze)

+70: 1) Irene Caleo (Judo Carrara), 2) Tiziana Marini (Pol. Ottavia), 3) Angelica Zanesco (Pro Patria Judo) e Elena Di Nenno (Kodokan S.Angelo)

46: 1) Nicolò Busia (Akiyama Settimo), 2) Daniele Piras (Centro Scuole Judo), 3) Yuri Massacesi (Sakura Osimo) e Antonino Lo Presti (Judo Novasconi)

50: 1) Pietro Andreini (Judo Piombino), 2) Andrea Orlando (Judo Club Leone), 3) Nicolo Morelli (Judo Insieme) e Mattia Zolesi (Cus Parma)

55: 1) Naoto Crovetto (Pro Recco Judo), 2) Daniele Pelliccia Miriade), 3) Riccardo Verdecchia (Judo Yawara) e Gianluca Catani (Judo Club Canino)

60: 1) Mattia De Zan (Judo Vittorio Veneto), 2) Alessandro Cavallo (Kumiai), 3) Alessio Bollettino (Akiyama Settimo) e Alessandro Bellini (Centro Scuole Judo)

66: 1) Marco Battino (Centro Sport. G. Sieni), 2) Francesco Bottaini (Kodokan S.Angelo), 3) Alberto Magnano (Samurai Lecco) e Andrea Salvetti (Ryu Judo Malegno)

73: 1) Daniil Lupu (Center Parma), 2) Gabriele Sammartino (Judo Preneste), 3) Daniele Bonfili (Pol. Castelverde) e Edoardo Fanelli (Fitness Club Nuova Florida)

81: 1) Francesco Ceglie (Angiulli Bari), 2) Andrea Redaelli (Isao Okano Club 97), 3) Francesco Guarnieri (Judo Movi-mente Le Sorgive) e Mattia Scanu (Akiyama Settimo)

90: 1) Tiziano Boggione (Ok Club), 29 Alessandro Perricone (Judo Marseille), 3) Simone Pensa (Judo Insieme) e Davide Cossu (Shardana Judo Silanus)

+90: 1) Lorenzo Rossi (Sakura Arma di Taggia), 2) Andrea Palumbo (Harmony Club), 3) Andrea Fondelli (Judo Incisa) e Christian Formentin (Pro Patria Judo)