Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Osaka, poche ore all’hajimè per Elios Manzi. Centracchio già in piedi!

images/large/GrandSlamOsaka.jpg

Mancano soltanto poche ore al primo ‘hajimè’ del Grand Slam ad Osaka con 486 atleti di 87 nazioni. Saranno le tre del mattino in Italia infatti, quando inizieranno i combattimenti sui quattro tatami allestiti nella Maruzen Intec Arena, impianto da diecimila posti a sedere. Primo degli azzurri chiamato a battersi, oltre ad essere l’unico nella giornata di venerdì, è Elios Manzi che, al dodicesimo incontro sul tatami 3 se la vedrà nei 60 kg con l’azero Davud Mammadsoy. Sabato, nella seconda giornata di Grand Slam, saranno impegnati gli altri quattro atleti della squadra azzurra, Fabio Basile, Giovanni Esposito (73), Edwige Gwend (63), Alice Bellandi (70) che, al primo turno affronteranno rispettivamente Hamsat Isaev (Ger) per Basile nei 73 kg, mentre Giovanni Esposito attende il vincitore fra Jaesik An (Kor) e William Tai Tin (Sam). Per Edwige Gwend nei 63 kg, il primo turno è con la slovena Lia Ludvik ed al turno successivo c’è ad attendere Miku Tashiro, protagonista della splendida finale mondiale vinta da Clarisse Agbegnenou a Tokio. Nei 70 kg invece, Alice Bellandi affronterà al primo turno la statunitense Chantal Wright e, per il turno successivo ci si troverebbe con la vincitrice fra Maria Portela (Bra) e Jeyoung You (Kor). Domenica, giornata conclusiva MCentracchio FBruyeresenza azzurri in gara, ma tutte le gare da venerdì a domenica potranno essere seguite in diretta dalle 9 su Sky Sport Uno e Sky Sport Arena. Una buona notizia è quella che arriva direttamente da Maria Centracchio, costretta a rinunciare alla trasferta ad Osaka proprio all’ultimo momento in seguito ad un infortunio al ginocchio (menisco) che l’ha costretta all’intervento chirurgico. “Per fortuna è andato tutto bene – ha detto Maria – e sono già in piedi. Sicuramente avrei preferito anche io essere ad Osaka, ma è meglio curarsi e stare bene per le prossime”. Ed il pensiero va ovviamente al Qingdao Masters in Cina, 12-14 dicembre…

Altre News