Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Petitto-Petrosino, coppia d’oro a Dubrovnik

images/large/20211016-Dubrovnik-ITA-top.jpg

Sofia Petitto nei 48 kg e Mario Petrosino nei 60 kg hanno conquistato due medaglie d’oro per l’Italia a Dubrovnik nella prima giornata dell’European Cup Senior che registra la partecipazione di 267 atleti di 26 nazioni.

Si tratta di un eccellente risultato al quale si vanno ad aggiungere anche la medaglia d’argento di Gabriele Sulli, secondo nei 73 kg e quella di bronzo di Stefano Monticone, terzo nei 60 kg, oltre al quinto posto di Silvia Pellitteri nei 57 kg ed i settimi di Chiara Zuccaro e Tea Patri nella stessa categoria e di Andrea Spicuglia nei 73 kg.

Grazie a questi risultati il medagliere della prima giornata registra il secondo posto dell’Italia subito dietro la Gran Bretagna.

“Giornata veramente intensa per tutti i nostri atleti -hanno detto i tecnici Salvatore Ferro e Luca Ravanetti- si sono tutti evidenziati nella voglia di vincere, tutti i ragazzi sono stati molto uniti. Bravissimo Mario Petrosino che ha vinto l’oro nei 60 kg, non si è smentita Sofia Petitto che ha vinto con facilità i 48 kg, secondo nei 73 kg Gabriele Sulli che dopo aver vinto in semifinale con il francese un incontro difficilissimo, in finale durante una fase di lotta a terra è rimasto immobilizzato dal moldavo Osmanov. Ottima comunque la sua gara. Terzo nei 60 kg Stefano Monticone, bella la sua prova e meritata la medaglia, peccato invece per Silvia Pelliteri che si è fermata ai piedi del podio”.

"La gara è stata un ottimo test per fare il punto della situazione, dopo tanto tempo senza gare ufficiali. -è stato il commento di Sofia Petitto- E’ senza dubbio un ottimo punto da dove partire e sono contenta di come mi sono sentita, sempre consapevole che la strada è ancora molto lunga".

“Sono contento a metà per questo risultato -ha detto Gabriele Sulli al termine della finale- dispiace tanto per la finale, per il resto tutto bene, buone sensazioni, mi sono sentito bene. Adesso testa a Malaga e ce la metterò tutta per prendere l’oro che non è arrivato oggi. Ringrazio mio padre, la mia famiglia che mi segue sempre, le Fiamme Gialle, Salvatore Ferro ed Antonio Ciano, che mi stanno seguendo in questo percorso”.

Domenica seconda giornata.

Altre News