Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Sport at School, è il momento giusto

images/large/Sport_at_School.jpg

Le scuole, purtroppo, sono ancora chiuse, ma l’età scolastica è più attiva che mai con i suoi piccoli protagonisti, che oltre a fare i compiti con le maestre su zoom, fra una partita con la switch ed un film su Netflix, hanno anche la possibilità di dedicare del tempo all’ora di “ginnastica” utilizzando la proposta fatta con Sport at School. Come? Semplicissimo, basta digitare ksportatschool.eu e dare un’occhiata alla videogallery e, sulla base dell’interesse riscontrato, potranno essere implementati con il materiale realizzato nell’ambito del Progetto Sport a Scuola FIJLKAM. Lo ricordate? Il Progetto Sport a Scuola si basa sul protocollo motorio Movi-mente, elaborato, a partire dal lavoro di ricerca e sperimentazione svolto a Matera e Cesenatico, per favorire lo sviluppo delle funzioni esecutive nei bambini in età evolutiva. Dal 2016 al 2018, Movi-mente è stato portato in Europa con il Progetto Sport at School, grazie ad un co-finanziamento dell’Unione Europea nell’ambito del Programma Erasmus+ Sport, che ha permesso di condividere la nostra “buona pratica” con le Federazioni di Karate di Francia (FFKDA), Portogallo (FNK-P), Germania (DKV), Spagna (RFEK) e Polonia (PZK). Il progetto (poi implementato in una classe -età 7-8 anni- per scuola, con una classe di controllo nella stessa scuola) ha coinvolto 4 scuole per ogni paese partecipante, selezionate in differenti regioni con diverse caratteristiche, in modo da assicurare un campione ampiamente rappresentativo. Il gruppo sperimentale ha realizzato le attività del protocollo Movi-mente per 2 ore la settimana durante l’orario scolastico, per tutta la durata dell’anno accademico, mentre il gruppo di controllo ha proseguito le consuete attività di educazione fisica durante l’anno. Le attività realizzate dal gruppo sperimentale sono state condotte da tecnici formati nell’ambito del Progetto in cooperazione con le/gli insegnanti scolastici. Due importanti istituzioni esterne, l’Università degli Studi di Padova e la Complutense di Madrid, sono state incaricate dell’analisi dei risultati ottenuti in termini di miglioramento delle abilità motorie, di apprendimento e di comportamento sociale di bambini e bambine partecipanti alla sperimentazione. Alla valutazione ha partecipato un totale di 688 alunni (353 al gruppo karate e 335 al gruppo di controllo). Secondo lo studio dell’Università di Padova, Dipartimento di Scienze Biomediche, i partecipanti del Gruppo di Karate hanno riportato valori significativamente più elevati in confronto ai quelli del Gruppo di Controllo in quasi tutti i test motori, concludendo che “i risultati supportano il fatto che il progetto Karate Sport at School è efficace nel miglioramento delle abilità motorie di bambini di età 7-9 anni”, sottolineando in particolare l’efficacia sulla coordinazione generale e specifica e sull’equilibrio.

L’Università Complutense di Madrid, incaricata di analizzare gli effetti del Progetto sul comportamento e sulle abilità di apprendimento di bambini coinvolti, ha invece concluso che: - il programma Movi-mente beneficia la percezione dei genitori delle difficoltà dei propri figli (sintomi emozionali, problemi di condotta, iperattività/deficit dell’attenzione e problemi di relazione tra pari) con benefici statisticamente significativi in relazione ai problemi di condotta. - I bambini che all’inizio presentavano livelli alti o molto alti di difficoltà hanno mostrato un significativo miglioramento nel punteggio delle difficoltà totali ed in relazione ai problemi di condotta. - I bambini del gruppo sperimentale del progetto Sport at School hanno avuto un aumento significativamente più alto nei voti di Arti e Lingua Madre (francese, tedesco, polacco, portoghese e spagnolo) rispetto ai coetanei del gruppo di controllo.

Una parte fondamentale, nella realizzazione e nella veicolazione del progetto, l’ha avuto il Professor Pierluigi Aschieri che, interrogato sulla rilevanza di questo lavoro, ha avuto modo di dire: “Il progetto Sport at School era perfettamente in linea con l’obiettivo specifico delle politiche europee nel settore dello sport, promuovendo l’applicazione delle Linee guida europee sull'attività fisica nelle attività sportive. I seguenti obiettivi si sono perfettamente rivolti ai giovani di 7-8 anni sulle questioni relative al miglioramento delle loro capacità motorie e cognitive. Gli obiettivi specifici del progetto sono rimasti chiari e realistici per tutta la durata del progetto, come dimostrato dalla realizzazione dei risultati finali. Il progetto è stato innovativo nei suoi elementi, il progetto trasmette i valori che fanno parte della missione di FIJLKAM”.

Che sia il momento giusto per riproporlo? Noi crediamo di sì…

 

Altre News