Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/umbria/judo/2021/medium/fava_tommaso.jpg
Judo

L'umbria del Judo si fa notare al Campionato Italiano U21 FIJLKAM. 1° Fava Tommaso KDK Spello

LIDO DI OSTIA (ROMA) - E’ stato un week end da ricordare, quello appena trascorso, per il movimento judoistico umbro, che dopo il periodo Covid sta riprendendo a fiorire e a racimolare risultati anche in questo autunno. Nel week end appena trascorso a Ostia sono andati in scena i campionati Italiani U21, dove l’Umbria ha riportato a casa delle buone indicazioni per il futuro, una medaglia, due settimi posti e numerosi piazzamenti.

A prendersi la medaglia, la più preziosa, quella d’oro, è stato Tommaso Fava (Kdk Spello), che nella categoria - 90kg si è imposto in ben 5 incontri con grinta e determinazione prima di salire sul gradino più alto del podio e di prendersi il grado di 2°Dan. Settima posizione tra le ragazze per Federica Fioriti, l’atleta del Cus Perugia, nella folta categoria dei -63 kg porta a casa due vittorie su quattro match combattuti, perdendo a soli 4” dalla fine l’accesso nella finalina per il bronzo. Settima posizione anche per per Federico Pragliola (PassePartoutTerni), nei -100 kg, che conquista così anche la cintura nera. Altalenanti gli altri umbri: 18esima -57 kg Lisa Antognelli (Judolimpic), 19esimo -66kg Leonardo Feliziani (KDK Gubbio), 33esimo -73 kg Luca Gasparrini (Kdk Spello), 10ecimo - 81 kg Matteo Murasecco (Kdk Spello), 17esimo -81 kg Riccardo Tartaglini (Kdk Spello).


Soddisfatto il vice presidente del settore Judo della Fijlkam Umbria Robertino Camilli: “Voglio fare i miei complimenti a tutti i ragazzi, che nonostante i momenti difficile che tutti stiamo attraversando hanno trovato la voglia, la forza e il coraggio di allenarsi con costanza e di mettersi in discussione in questo torneo così importante. Complimenti particolari a Tommaso Fava, per un oro che da troppo tempo mancava alla nostra regione”.