Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/veneto/Judo/2021/medium/Allen._Reg._100721_2.jpeg
Judo

Primo allenamento regionale all'aperto per i judoka veneti

Questa mattina è stata la splendida cornice del Pattinodromo Arcobaleno di Mestre ad ospitare il primo allenamento regionale veneto all'aria aperta dedicato a tutte le classi di età, dagli esordienti ai seniores.

Dopo le ormai consuete pratiche anti Covid-19, i circa 50 atleti veneti che hanno deciso di prendere parte all'evento si sono allenati sulla vasta area allestita per l'occasione, guidati dal Commissario Tecnico Regionale Alessandro Esposito che loda innanzitutto la location: "La scoperta di questo pattinodromo in Via Tevere a Mestre è stata supersonica! Ci  permette di avere spazi enormi, di poterci muovere in grande libertà. A maggior ragione in questo periodo con il Covid, ma anche per il futuro, per me questa è una sede eccezionale, anche perchè è molto ventilato, si sta benissimo e ci permette di allenarci in serenità. Quindi la location è azzeccatissima e spero sfruttabile anche in futuro, da maggio a settembre-ottobre io organizzerei sempre qua tutte quante le attività."

Per quanto rigaurda la ripresa delle attività, continua il CT "Sono molto contento perchè abbiamo organizzato, in un crescendo ci complessità, questi tre appuntamenti con i ragazzi: nel primo abbiamo fatto delle convocazioni ben stabilite di soli cadetti, poi abbiamo allargato agli juniores e in questo invece abbiamo praticamente permesso a tutti di venire anche consapevoli del fatto che non sarebbe venuta tantissima gente visto il periodo. In verità sono sempre stati allenamenti gettonatissimi, anche in quest'ultimo eravamo quasi 50 persone, per cui benissimo, e al di là delle problematiche di distanziamenti, mascherine ecc. noi siamo felicissimi per la ripresa delle attività. Il Veneto dimostra di essere una regione molto attiva, sono mancate forse medaglie come in altre regioni a queste Finali Nazionali, però il mio punto di vista è quello di dire che per queste gare non tutti erano allenati nella stessa misura, per cui ci può stare che chi lo era di più potesse arrivare in fondo con più facilità. Noi abbiamo realizzato due medagli importanti (ndr, Oro di Ghetti alle Finali seniores e Bronzo di Schiavon alle Finali esordienti) e speriamo a settembre di fare molto di più. Indipendentemente da questo, noi continureremo con i nostri progetti, quindi da settembre cercheremo di implementare l'attività tecnica e di lanciare anche finalmente questo Centro Tecnico Regionale. Abbiamo potuto visionare un sacco di atleti, anche qualche atleta "sconosciuto" che si è dimostrato molto volenteroso e anche capace. Ne terremo conto e cercheremo di costruire questo gruppo di persone con una volontà di fare e delle capacità superiori agli altri con i quali cercare di realizzare qualche cosa. Quindi esito positivissimo di questo scorcio di riapertura!".