Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/veneto/Judo/medium/de_zan_europei_cadetti_2019.jpg
Judo

Italia prima nel medagliere, fuori negli Europei a squadre

E’ stata l’Italia più vincente di sempre quella che ha appena disputato il Campionato Europeo cadetti a Varsavia.

Con quattro ori, un argento e due bronzi nelle tre giornate di gare individuali la Nazionale Italiana si insedia in vetta al medagliere per nazioni lasciandosi alle spalle la quotatissima Russia e a seguire: Turchia, Francia e Georgia.

Oggi, nella quarta giornata dedicata all’Europeo a Squadre miste, proprio queste quattro nazioni (tutte inserite nella parte alta del tabellone) si sono giocate con le unghie e con i denti l’accesso alla finale continentale. In gara per l’Italia: Mattia De Zan, Michele Schiraldi (60), Raffaele Ceglie, Luigi Centracchio (81), Jean Carletti, Daniele Accogli (+90), Assunta Scutto, Chiara Zuccaro (48), Thauany David Capanni Dias, Sara Lisciani (63), Erica Simonetti, Asya Tavano (+70).

Gli azzurri, dopo aver battuto la Francia per 4:3 (a punto: Tavano, Scutto, Capanini Dias, Schiraldi), cedono il passo prima alla Turchia che mette a segno un sonoro 4:0 e poi, nell’incontro di recupero, alla Georgia che vince con un tiratissimo 4:3 (a punto: Zuccaro, Capanini Dias e Tavano).

Alla fine è proprio la Turchia a vincere il Titolo superando in finale la Romania, mentre Russia e Olanda conquistano il bronzo.

Non è fortunato quindi l’Europeo del veneto Mattia De Zan che dopo una gara individuale che l’ha visto uscire al primo incontro eliminatorio nei 60kg non riesce a portare punti decisivi nella gara dedicata ai team dove viene schierato contro Turchia e Georgia “Non è andato come mi aspettavo – commenta Mattia -  sapevo che avevo poca esperienza in campo europeo comunque mi aspettavo molto di più. Tornerò ad allenarmi più forte di prima e grazie al mio coach Manuel Covre”.

Per l’atleta del Judo Vittorio Veneto resta comunque un Campionato Europeo disputato e un bagaglio d’esperienza da sfruttare in occasioni future.