Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/medium/mattia_prosdocimo_mondiali_2019.jpg
Judo

Marrakech: inarrestabile Giappone, due bronzi Italia, Prosdocimo "carico per il 2020"

Si è conclusa oggi a Marrakech, con la gara a squadre miste, la rassegna iridata 2019 dedicata alla classe Juniores.

L'Italia non ha preso parte alla competizione dedicata ai mixed team che ha visto trionfare il Giappone per il terzo anno consecutivo. Il team nipponico si è confermato sul tetto del mondo battendo in finale un'agguerrita Russia per 4 vittorie a 2, mentre sul terzo gradino del podio sono salite Francia, che ha superato per 4 a 2 il Brasile e Georgia che con 4 vittorie a 1 lascia a secco la Germania.

Rielaborata la sconfitta agli ottavi che ha segnato prematuramente la fine della sua gara Mattia Prosdocimo analizza così il suo mondiale "Appena è uscita la pool mi sono reso conto che la gara sarebbe stata difficile perché eravamo raggruppati tutti lì. Ho affrontato al primo incontro il koreano Choi avversario molto difficile, superato questo incontro sono passato con il canadese, battuto per due wazari! Passando all'ultimo incontro che ho disputato con il Moldavo Sterpu campione europeo in carica, che dire, bella bomba che ho preso! Con questo Campionato del Mondo chiudo così il mio secondo anno juniores con molto rammarico, ma comunque carico per il 2020".

Dopo le cinque giornate di gara il bilancio per la Nazionale azzurra è quindi di due bronzi e un quinto posto, mentre la classifica generale riferita alle gare individuali viene dominata ancora una volta dal Giappone (6,2,3) seguito da Georgia (3,1,1) e Russia (1,3,0).

Nel frattempo, dall'altra parte del mondo,ai Giochi mondiali militari 2019 di Wuhan (CHN), è Alessandra Prosdocimo (sorella di Mattia) che nelle fila del Centro Sportivo Carabinieri, conquista un argento di grandissimo valore.