Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/veneto/Judo/2019/medium/campionato_italiano_non_vedenti_lachin_tadini_pasini.jpeg
Judo

Roberto Lachin vice campione italiano FISPIC

Domenica 27 ottobre la Palestra Partenope, situata nella centralissima piazza del Municipio di Napoli, ha ospitato i Campionati Italiani di judo FISPIC (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e ciechi).

In questa occasione l'atleta veneto non vedente Roberto Lachin è riuscito a conquistare una preziosissima medaglia d'argento, laureandosi così vice campione italiano nella categoria ipovedenti e non vedenti al limite dei 73kg.

campionato italiano non vedenti lachin osaekomiL'atleta del Mestre 2001 ha disputato tre incontri per un totale di due vittorie e una sconfitta. La partenza è stata tutta in salita con un atleta ipovedente plurimedagliato in campo nazionale ed internazionale conclusasi a sfavore del veneto, che tuttavia non demorde e riesce poi ad ottenere due belle vittorie. La prima è arrivata per somma di wazari: un'immobilizzazione e un wazari di seoi nage a tre secondi dal termine consegnano l'incontro al nostro corregionale. Mentre la seconda, con un atleta adirittura della categoria superiore (-81kg) è stata conquistata grazie a due wazari di controtecnica. "Per il secondo anno consecutivo sono arrivato al secondo posto e sono orgoglioso di me" commenta Lachin, descrivendo così - ancora un po' emozionato - le sensazioni di quel giorno "Essendo una manifestazione un po' particolare ci hanno fatto entrare uno davanti all'altro con la mano sulla spalla, in pompa magna, quasi come dei vip e all'inizio abbiamo cantato l'Inno Nazionale". Poi prosegue ringraziando chi, insieme a lui, ha reso possibile questo risultato "I miei maestri, Michele Pasini ed Emanuela Tadini, mi hanno accompagnato e mi sono stati vicini dall'inizio alla fine, mi sono sentito non un judoka disabile ma mi hanno fatto sentire come un judoka normodotato e questo è quello a cui aspiro".

Una grande festa quindi per Roberto che si aggiunge a quella dei suoi primi 40 anni festeggiati proprio a Napoli durante i Campionati.