Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/liguria/IMG_COMUNI/medium/Faranda_rieletto.jpeg
News

Filippo Faranda al secondo mandato come Presidente Regionale

A Quiliano si sono svolte le elezioni per il quadriennio olimpico 2021-2024 sia del presidente del Comitato regionale Fijlkam Liguria che dei Vicepresidenti dei settori Judo, Lotta e Karate.

Nell'arco di tutto l'Election-Day sono stati adottati protocolli di sicurezza anti Covid molto rigorosi al fine di garantire la sicurezza anti contagio per tutti i partecipanti confluiti nella cittadina ligure da tutta la regione.

Che l'importanza delle elezioni fosse avvertita anche a livello Nazionale si percepisce dal fatto che a Quiliano era presente anche Giovanni Morsiani Presidente Federale vicario Fijlkam.

Nell'ampio parterre erano anche presenti il presidente del Coni Liguria, Antonio Micillo, e il delegato Coni della Provincia di Savona, Roberto Pizzorno.

Il savonese Filippo Faranda, riconfermato alla carica di Presidente con 112 voti (su 114), è Maestro di Judo 5° Dan ma non solo.

E' laureato col massimo dei voti in Biologia e ha lavorato lungamente all'estero ricoprendo incarichi di responsabilità.

Attualmente è Manager Multinazionale EHS responsabile Europa, Africa, Medio Oriente, India e Worldwide Chemical Compliance. Parla correntemente inglese e francese. Nel 2018 ha ottenuto la Stella di Bronzo del Coni.

Dopo il verdetto elettorale ha ringraziato i presenti pronunciando un discorso breve ma carico di emozione e passione:

"Cari amici, - ha iniziato Faranda - vi ringrazio per l’elezione e per l’ampio consenso, elementi che mi danno l’energia per affrontare il nuovo quadriennio con l’entusiasmo di chi vuole ripagare con i fatti la fiducia ricevuta.

Durante l’esposizione della relazione dello scorso quadriennio avrete notato gli enormi progressi fatti, progressi che, tuttavia, sono stati in gran parte vanificati dalla pandemia che ancora ci sta affliggendo.

La pandemia non può che indurre tutti noi ad una riflessione profonda.

Vivide in tutti noi sono ancora le immagini simbolo di un mondo fermo, sospeso, in balia di eventi sconosciuti e di un nemico terribile ed invisibile. Durante il primo lockdown si è riscoperto un antico valore che sembrava perduto: la solidarietà per il raggiungimento di un fine comune. E’ questa la vera ripartenza!

Siamo all’anno zero e dobbiamo ricominciare: ci aspetta un quadriennio difficile, ma allo stesso tempo stimolante, con opportunità di miglioramento che, se colte, potranno non solo farci riguadagnare il terreno perduto, ma anche programmare e raggiungere traguardi ambiziosi.

Questo può avvenire solamente se decidiamo realmente di voltare pagina, dimenticando asti e rancori atavici, remando tutti insieme verso il comune obiettivo di garantire ai nostri giovani un futuro migliore con la pratica dei nostri bellissimi e amati sport.

Il mio obiettivo primario è la ripartenza, una ripartenza vera, un nuovo inizio che può essere possibile unicamente in un clima sereno. Ed è ciò che voglio contribuire a creare con il mio lavoro. Come rappresentante della Federazione sul territorio, voglio che tutti gli sforzi vadano nella direzione del lavoro e dell’obiettivo comune nello spirito di “Jita Kyo ei” (tutti insieme per progredire e crescere ) tanto caro a Jigoro Kano. 

Mi permetto di concludere con una breve citazione (da Eraclito ndr) che perpetua una grande verità: “L’armonia nascosta vale più di quella che appare”."