Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/medium/TrofeoConi_JLK.jpeg
Arti Marziali

Trofeo Coni, un momento unico e speciale perché…

Quanto accaduto oggi, domenica 27 maggio nella Palestra Gallini a Pordenone, è stato un momento unico e speciale. C’è stata la gara regionale del Trofeo Coni ed è unico e speciale il colpo d’occhio con i giovani atleti di lotta, judo e karate impegnati contemporaneamente a pochi metri gli uni dagli altri. Sì, è stata un’immagine che ha fatto il suo effetto. Se non altro, perché è uno degli obiettivi da riconoscere e nei quali riconoscersi: essere e stare ‘insieme’. Al di là delle diversità e non solo nell’acronimo FIJLKAM, ma di fatto conoscersi e condividere. Fatto! Ed è stato bello, anzi bellissimo, far attendere tutti un momento in più e premiarli assieme, lottatori, judoka, karateka, con la meritata medaglia del Trofeo Coni. Unico e speciale è stato il contesto che in questo modo si è venuto a creare, con un senso di attesa per dare il giusto pathos alla sorpresa che l’ha preceduta: la presentazione ufficiale del nuovo Media Team Fijlkam FVG. Cinque ragazzi giovani e di talento, che ormai da due mesi stanno implementando di contenuti, idee, novità e competenze la nuova pagina web fijlkam.it/fvg, sono tre ragazze, Deli Maman, Agnese Piccoli, Erika Zucchiatti e due ragazzi, Gino Gianmarco Stefanel e Furio Zuliani. Le quote ‘azzurre’ sono state rispettate, ma va detto che tutti hanno esperienze interessanti nella comunicazione scritta, fotografica, video e social media, e hanno la voglia di vivere un’esperienza formativa con la gestione del nuovo web regionale. Da una sorpresa all’altra, ed ecco che è partito un filmato che ha raccontato in tre minuti, con immagini e didascalie, una vita dedicata al judo ed ai judoka, la vita del Maestro Benemerito Palmiro Gaio, Presidente Onorario del Comitato Regionale dal 2005, ma con tante storie ed aneddoti da rimanere ad ascoltare a bocca aperta. Una storia, quella di Palmiro Gaio, che è stata gratificata anche con l’attribuzione dell’8° dan a dimostrare la riconoscenza della Federazione per un Uomo Speciale, amato veramente da tutti. Che anche il Sekai Budo Pordenone, cortese e disponibile padrone di casa, gli ha riservato un pensiero affettuoso e prezioso. Un’ultima sorpresa, la targa-premio per Kenny Bedel, campione italiano juniores 2018 più giovane delle categorie maschili, premiazione saltata il giorno del successo a Ostia, premiazione recuperata con l’emozione in più del contesto unico e speciale. A Pordenone, nella Palestra Gallini.