Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2021/medium/0215_partenza_x_TelAviv.jpg
Judo

Toniolo e Bedel a Tel Aviv per il Grand Slam: domani i primi Hajime

Ripartono le gare del circuito internazionale dopo i Masters di gennaio con il Grand Slam di Tel Aviv. 
Una gara che già ancor prima di cominciare aveva sollevato diverse difficoltà, in quanto, in seguito alla chiusura dell'aeroporto Ben Gurion per evitare ulteriori infezioni da COVID mentre Israele è impegnato nella campagna di vaccinazione accelerata, tutti i voli erano stati cancellati. Svolgimento della manifestazione in dubbio? Giammai, l'IJF e le federazioni continentali hanno cercato una soluzione alternativa per permettere ai judoka di tutto il mondo di poter raggiungere la sede di gara creando per l'occasione una rete di voli privati destinati esclusivamente alle delegazioni che prenderanno parte alla competizione.

E tra di esse c'è anche l'Italia che schiera 15 atleti, mescolando cinque componenti della squadra olimpica e dieci giovani promettenti. Tra questi ultimi, ci sono anche Veronica Toniolo (57) e Kenny Bedel (81), all'esordio con la nazionale senior. A far loro compagnia ci saranno anche: Assunta Scutto, Francesca Giorda (48), Silvia Pellitteri (57), Nadia Simeoli (63), Alice Bellandi (70), Giorgia Stangherlin (78), Angelo Pantano (60), Mattia Miceli (66), Fabio Basile, Giovanni Esposito (73), Antonio Esposito (81), Nicholas Mungai (90), Sylvain Lorenzo Agro (+100), tecnici: Francesco Bruyere, Luca Poeta, Raffaele Toniolo, Covid-manager: Alessandro Comi, medico: Stefano Bonagura, fisioterapista: Giuseppe Faraso. 

“È stato un viaggio molto lungo e complicato viste le tante restrizioni che ci sono in Israele, ma che siamo riusciti a compiere grazie agli enormi sforzi dell’IJF e della Federazione Israeliana, che hanno messo a disposizione charter da Parigi e Istanbul, ai quali dobbiamo davvero tantissimi complimenti per l’organizzazione. È stato anche molto bello e simpatico condividere un volo interamente comprato da judoka che arrivavano da diverse parti del mondo, sguardi, saluti e pensieri che, sin da subito, ci ha proiettato in quel clima di amicizia e sana rivalità che caratterizza questo bellissimo circuito. I nostri atleti sono in buone condizioni, la prima squadra ha sicuramente ritrovato lo stato di forma dopo la pausa invernale. Mancano all’appello alcuni dei nostri Alfieri: Lombardo, Parlati, Centracchio e Giuffrida, ma che stanno bene e stanno lavorando per essere pronti già nel prossimo torneo a Tashkent. Tanti gli inserimenti di giovani che esordiranno ai massimi livelli e che non vedono l’ora di confrontarsi con i grandi campioni, e che hanno sicuramente tutte le carte in regola per regalarci emozioni. Siamo, come sempre fiduciosi e convinti di essere una grande squadra, daremo battaglia”.

Appuntamento con i 422 atleti provenienti da 60 nazioni sul tatami di Tel Aviv a partire da domani fino a sabato 20. Le gare potranno essere seguite in diretta su Sky Sport Arena (canale 204) dalle 16 alle 18.30 di giovedì e venerdì con il commento di Ivano Pasqualino con Ylenia Scapin, sabato stesso orario ma con Emanuele Di Feliciantonio.