Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/0S8A0294-01.jpeg
Judo

IN 619 MINI JUDOKA A FAR RESPIRARE IL GRANDE ALBERO DEL JUDO: A SACILE IL CRITERIUM GIOVANISSIMI INIZIA COL BOTTO!

Sacile (PN) – Si è aperto in un clima di festa e di propositività il Criterium 2019, che ha visto calcare il tatami da parte di atleti provenienti dalle società di tutto il Friuli Venezia Giulia e del vicino Veneto.

Obiettivo di giornata del Dojo Sacile, società ospitante, era quello di mettere concretamente in pratica già da questa prima tappa le indicazioni fornite dall’IJF (International Judo Federation) per il World Judo Day (28 ottobre): far sì che ogni judoka prenda a cuore le sorti del nostro Pianeta e pianti un albero. L’idea, sostenuta anche dal nostro Comitato Regionale, vedrà molteplici iniziative nel corso dell’anno e Andrea Piccinini, Presidente del Dojo Sacile, ci teneva a dare un primo ottimo esempio davanti a una platea sensibile e recettiva come quella dei bambini, che rappresentano il futuro e la speranza.

La prima fascia in gara oggi si è così vista cadere letteralmente sulla testa tantissimi palloncini colorati, che sono stati poi raccolti dai bambini, che, nel giro di un paio di minuti, si sono sistemati sul tatami a formare un albero con rami e gemme.

“Il messaggio della Federazione Internazionale è il messaggio del Dojo Sacile” ha dichiarato Andrea “Ci sentiamo molto vicini alle tematiche ambientali ed ecologiche, quindi siamo contenti di questa scelta e abbiamo voluto dare inizio a quest’anno sportivo, promozionale e agonistico con questi due piccoli messaggi: un albero fatto dai bambini con le gemme, rappresentate dai palloncini colorati e con i ragazzini dell’ultima tornata pianteremo fisicamente un albero di ciliegio nel parco del Palamicheletto”.

Relativamente ai numeri e all’organizzazione la soddisfazione è altrettanto palpabile: “Siamo strafelici” ha commentato ancora Andrea “Numeri da record, ma abbiamo una macchina ormai talmente tanto ben oleata che non ci fa paura sostenerli… anzi, è una sfida che stuzzica! E che trova simili risultati nella costante collaborazione con tutte le Associazioni del Friuli Venezia Giulia, che è sempre più bella, direi che è l’aggettivo giusto, perché c’è armonia, c’è serenità e una cultura nuova rispetto a vent’anni fa, perché pesi e cinture sono precisi e regolari, perché tutti hanno capito che stare bene attenti a questi dettagli fa bene a tutto il movimento; infatti siamo premiati con questi numeri eccezionali! Non possiamo che essere ottimisti… possiamo portare questa similitudine: che piantiamo un albero oggi, nuovamente e ripartiamo, ricresciamo assieme per avere un futuro migliore!”

Altrettanto positivo il commento del Vicepresidente settore judo Sandro Scano: “Siamo orgogliosi dell’adesione da parte di tutte le Società a questo grande evento che nel 2019 si riconferma con grandi ambizioni: oltre 600 iscritti sono un risultato veramente memorabile e un grazie all’organizzazione che ha saputo come sempre rispondere a questo primo appuntamento con preparazione, fantasia e passione!”

E questa passione si è esplicitata quando, a fine giornata, con i ragazzi dell’ultima fascia, come promesso, è stato piantato l’albero di ciliegio, alla presenza, oltre che del sunnominato Andrea Piccinini, in duplice veste di Presidente del Dojo Sacile e Delegato Provinciale per Pordenone, del Vice Presidente Sandro Scano, anche del Consigliere Nazionale Mari Grazia Perrucci.

“Oggi abbiamo piantato un altro seme per il nostro judo regionale che crescerà” ha detto Andrea nel riporre la vanga utilizzata per scavare la terra. “È solo un albero apparentemente, ma simbolicamente rappresenta qualcosa di molto importante, qualcosa di cui in questo momento il Pianeta necessita” ha concluso Sandro Scano.

Un brindisi tra amici ha così terminato la giornata, con la consapevolezza di ritrovarsi alla prossima tappa, a Gorizia, il 14 aprile.

pdf CRITERIUM 2019 Sacile (388 KB)