Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/european_games_2019_chizhovka_arena.jpg
Judo

MEDVES AGLI EUROPEAN GAMES DI MINSK

Sale l’attesa per la seconda edizione degli European Games: la Chizhovka Arena di Minsk (Bielorussia) è pronta ad aprire le sue porte ai 400 judoka che tra il 22 e il 25 giugno si contenderanno il Titolo Europeo in quella che si potrebbe considerare una mini Olimpiade Continentale con 15 sport e oltre 4.000 atleti provenienti da 50 paesi del Vecchio Continente.

Saranno 17 gli alfieri italiani in gara per il judo, due in più della precedente edizione di Baku 2015. Considerando i risultati raccolti tra il 2018 e i primi mesi del 2019 gli amanti del del judo saranno incollati allo streaming perché l’Italia porta tanta qualità e la promessa di Manuel Lombardo di qualche giorno fa non lascia spazio a dubbi “A Minsk vi faremo divertire”.

Con un oro e un argento Olimpico, due medagliati ai Campionati Europei 2018 e tre Campioni del Mondo Juniores, l’Italia si presenta agguerrita e competitiva come non mai ai blocchi di partenza.

l’Italia cala i primi assi già nella prima giornata (sabato 22 giugno): al via le categorie maschili 60 e 66kg e femminili 48,52 e 57kg.

Subito in gara quindi l’udinese Matteo Medves, Vice Campione Europeo 2018 nei 66kg.  Non rientrando tra le teste di serie nei 66kg (ventunesimo), Matteo non potrà contare su un sorteggio favorevole, tuttavia il poliziotto ex Yama-Arashi ha già dimostrato di potersi battere con tutti i migliori “Europei o European Games la sostanza non cambia, alla fine c’è sempre un tatami sul quale salire ed un avversario da superare, quello sarà il compito da svolgere”. Nella stessa categoria ci sarà anche Manuel Lombardo, Campione Europeo e Mondiale Juniores 2018, recentemente premiato dall’EJU come miglior atleta europeo junior tra le categorie maschili. Lombardo si presenta da ottavo in ranking europea e nel 2019 ha già portato a casa un oro in Grand Slam.

La più attesa tra le donne è sicuramente la vice campionessa olimpica dei 52kg Odette Giuffrida, settima nella ranking europea con due bronzi nei Grand Slam di Parigi e Dusseldorf nel 2019 “Il mio motto è sempre lo stesso e non cambia mai – dichiara -  Free mind, full heart”.

Nei 48kg Francesca Milani, recentemente oro in European Open al rientro da un infortunio e Francesca Giorda, all’esordio ad un campionato d’Europa in questa categoria ricoprono rispettivamente il ventunesimo e ventiduesimo posto.

Sarà invece Martina Lo Giudice a difendere il Tricolore nei 57kg. Quest’anno ancora a secco di medaglie anche a causa di acciacchi fisici, ma vincitrice l’anno scorso dell’European Open di Madrid, ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per giocarsela con le migliori.

Non ci sarà invece nessun azzurro in gara nella categoria al limite dei 60kg.

Restano alte le aspettative per l’Italia anche nella seconda giornata di gare (domenica 23 giugno) quando sarà la volta delle categorie maschili 73 e 81kg e femminili 63 e 70kg.

Primo tra tutti salirà sul tatami il Campione Olimpico in carica Fabio Basile, undicesimo nella ranking europea al limite dei 73kg, al suo attivo nel 2019 un argento e un bronzo in due Grand Slam, ma Fabio è capace di tutto e le sue intenzioni emergono chiare dal commento pre partenza “dominazione, dominazione assoluta!”. La stessa categoria di peso vedrà protagonista un altro giovane azzurro, Giovanni Esposito, anche lui già argento in Grand Prix quest’anno, ventunesimo nella classifica continentale e pronto a dare battaglia “Ho voglia di fare bene e dare il massimo su quel tatami”.

Negli 81kg è proprio il fratello, Antonio Esposito, il più alto in ranking dei due azzurri qualificati (tredicesimo). Medaglia di bronzo ai Campionati Europei 2018 commenta così alla vigilia “sono carichissimo e non vedo l’ora di salire sul quel tatami per dimostrare quanto sono forte... ancora una volta!”. Ad appena due posizioni di distanza, al quindicesimo posto, in rapida ascesa c’è Christian Parlati, altro giovane Campione del Mondo Junior 2018, già argento e bronzo in due Grand Prix nel 2019, che sicuramente può dire la sua in questi European Games: “Sono motivato e ho voglia di combattere e di vincere”.

Con due Olimpiadi alle spalle e un palmares internazionale di tutto rispetto la finanziera Edwige Gwend metterà sul tatami tutta la sua classe ed esperienza nei 63kg “Gli anni passano, ormai ne ho 29, ma le aspettative non cambiano, quelle restano sempre le stesse, si punta sempre in alto!”. A contendersi il Titolo nei 63kg ci sarà anche Maria Centracchio, qualificata come ventesima e vincitrice quest’anno del Grand Prix di Tel Aviv a gennaio, commenta così alla vigilia della gara “cercherò di affrontarla come ho fatto ogni altra volta dando il massimo e facendo valere tutto il lavoro svolto fin qui.

Nei 70kg è attesa la giovane bresciana Alice Bellandi, Campionessa d’Europa e del Mondo Juniores 2018, già argento e bronzo in due Grand Prix nel 2019 e qualificata come tredicesima. Nella stessa categoria di peso andrà alla caccia del Titolo anche Carola Paissoni, ventinovesima in ranking: “si stringe il focus e si guarda ad un solo obiettivo”.

La terza giornata vedrà protagoniste le categorie maschili dei 90,100 e +100kg, e quelle femminili dei 78 e +78kg.

Sarà Nicholas Mungai ad avere l’onore di rappresentare l’Italia nei 90kg. Argento in Grand Prix nel 2019 si presenta quindicesimo nella ranking europea “Non vedo l'ora di dare tutto quello che ho sul tatami di Minsk”.

Al trentunesimo posto nella ranking di qualificazione europa, Giuliano Loporchio vuole dire la sua nei 100kg “So che posso giocarmela con i più forti, infatti è quello che mi aspetto e quello che farò!!”.

Nei pesi massimi sarà invece Vincenzo D’Arco, posizionato al trentanovesimo posto della ranking, a portare avanti le speranze azzurre.

Non ci saranno invece azzurre in gara nei 78 e +78kg.

Concludiamo con le parole del tecnico Francesco Bruyere: “Possiamo sicuramente affermare di avere una squadra forte e unita che difenderà i nostri colori, non ci resta che dare battaglia”.

Noi ci godremo lo spettacolo!