Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/2019_Judo_Festival_Porec_3.jpg
Judo

Successo per il Judo Festival di Parenzo, corrispondenza per noi di Mario Krvavac

Mario Krvavac, oltre ad essere organico della federazione judo croata e dell'area media EJU, è partner del Media Team FVG ed è in questo ruolo che ha accettato di fare per noi il reportage sul Judo festival che segue e che Cinzia Valle ha tradotto. Buona lettura.

Per la quarta volta, dal 10 al 23 giugno, Parenzo è stata la città ospitante del Judo Festival. L’evento, organizzato dalla European Judo Union in collaborazione con la Federazione Croata di Judo, ha richiamato più di 1500 judoka provenienti da 45 Paesi.

Uno degli eventi principali per il judo europeo, costituito da otto programmi diversi, tra i quali il più partecipato è stato naturalmente l’OTC. Più di 450 atleti hanno preso parte al training camp, una sorpresa anche per il Comitato Organizzatore visti gli imminenti Giochi Europei. Il numero di partecipanti all’OTC ha testimoniato quanto sia importante fare buoni randori di qualità. Durante l’OTC si è tenuta anche una sessione dedicata ai tecnici e agli ufficiali di gara, costituita da una parte teorica e una pratica.

Una grande novità è stato lo “Special Needs Seminar” (seminario dedicato ai ragazzi con bisogni speciali), che è durato due giorni alla presenza di esperti quali Marina Draskovic, vincitrice del premio #BeInclusive assegnato dall’Unione Europea.

“Ci sono dei momenti molto speciali e noi cogliamo con piacere ogni opportunità di lavorare con i bambini. Per alcuni di loro è il primo viaggio senza i genitori, stanno facendo dei progressi di giorno in giorno. Sono molto orgogliosa di essere parte di questi judo camp e di dar loro una ragione in più per sorridere” – ha commentato Barbara Matic che dopo il suo allenamento ha trascorso un po’ di tempo con loro insieme a Majlinda Kelmendi, Lukas Krpalek e Tina Trstenjak.

Oltre all’OTC e al training camp per i Cadetti, una parte importante del Festival è stata quella dedicata all'area scientifica. Il Judo Symposium e la Scientific Conference hanno richiamato a Porec più di 45 ricercatori per la sesta edizione del simposio e la quinta della conferenza.

La ricerca presentata ha mostrato l’ampiezza in cui hanno spaziato i lavori dei ricercatori, dagli aspetti psicologici del confronto tra il concetto moderno di judo e l’idea originale di Jigoro Kano, ai problemi dell’infortunio ai legamenti del ginocchio, fino agli aspetti antropologici e la loro correlazione con i risultati nella parte agonistica della carriera.

EJU "Improve Your Club" è uno dei programmi più popolari tra i tecnici croati. "Improve Your Club" si è tenuto dal 15 al 16 giugno parallelamente alle altre attività del Festival. L’European Judo Union (EJU) ritiene che la formazione e lo sviluppo dei tecnici dei club meriti la stessa attenzione dedicata ai tecnici delle Nazionali. I club sono il punto di partenza per le squadre nazionali in ogni federazione, pertanto risulta fondamentale formare i loro tecnici. L’Europa sud-ordientale continuerà a migliorare la professionalità e la preparazione dei tecnici di numerosi club, senza ignorare la i tecnici selezionati delle Nazionali.

“Vorrei ringraziare la Federazione di Judo Croata per l’ospitalità e l’organizzazione che anche quest’anno  è stata di alto livello. È già la quarta volta che veniamo qui e ancora una volta abbiamo avuto la conferma che il posto è fantastico, mette a disposizione le migliori condizioni per allenarsi, trascorrere del tempo con gli amici e rilassarsi” – Ezio Gamba ha aperto così il suo discorso durante l’EJU "Administration & Organisation Seminar" a Parenzo.

Questo seminario si è tenuto per la prima volta nella città croata. Il trasferimento da Vienna a Parenzo si è dimostrato un’ottima idea in quanto i rappresentanti delle Federazioni Nazionali  hanno avuto l’opportunità di vedere il Festival più da vicino.

2019 Judo Festival Porec 1

Durante il Judo Festival si è tenuto anche il congresso annuale della Federazione Croata che ha ricevuto la visita del Presidente dell’EJU Sergey Soloveychik.

“Dovete essere orgogliosi dell’impegno che avete messo per dare vita al Judo Festival. Questo festival è una prova tangibile del motivo per il quale la European Judo Union è l’unione che sta realizzando i maggiori progressi all’interno dell’IJF”.

Il presidente Soloveychik ha aggiunto in conclusione “Auguro a tutti I judoka croati grandi successi sportivi. La Federazione Croata merita una medaglia Olimpica, speriamo che arrivi a Tokyo e che sia d’oro!”

La Federazione Croata di Judo si è trovata ancora una volta di fronte ad un compito importante, soprattutto considerando un incremento di oltre 350 partecipanti. Sole, spiaggia e divertimento, questo è Parenzo!

 

 

Di seguito l’articolo in versione originale:

Successful Judo Festival in Poreč

For the fourth time Poreč was host city of the Judo Festival from 10th – 23rd of June. Event organized by European Judo Union in collaboration with Croatian Judo Federation gathered more than 1500 judokas from 45 different countries.

One of the biggest European Judo events consisted from eight different programs, of course the most participated one was the OTC. At the training camp participated more than 450 competitors, which was really surprising for LOC as European Games were really close. How much is important good and quality fights only proofs the number of participants who came at the OTC. During the OTC also was held Coach & Referee session, which consisted from practical and theory part.

Big novelty was Special Needs Seminar which lasted two days with experts such as Marina Drašković, winner of the award #BeInlusive by European Union.

“There are very special moments and we enjoy in every chance to work with kids. For some of them this is their first travel without the parents, they are progressing from day to day. I’m very proud to be part of such judo camps and give them one more reason to smile”. – said Barbara Matić who spent some time after her training accompanied by Majlinda Kelmendi, Lukas Krpalek and Tina Trstenjak.

Besides OTC and Cadet training camp, important part of the Festival is scientific part. Judo Symposium and Scientific conference gathered more than 45 scientists in Poreč, which was sixt symposium and fifth conference in total.

The presented research has shown the breadth of scientists' works, from the psychological aspects of comparing the modern concept of Judo with the original ideas of Jigoro Kano, to the problem of knee ligament injury and anthropological features and their correlation with the results in the competitive part of the career.

EJU Improve your club is one of the popular one among Croatian coaches. Paralel with all other activities at the Festival, Improve your club was held from 15-16 June. The European Judo Union (EJU) believes that training and development of judo club trainers should be given as much attention as dedicated to national team coaches. National judo clubs are the starting point of national teams in each federation, so it is crucial to educate club coaches. South East Europe will further enhance the professionalism and preparation of coaches of numerous judo clubs, while not ignoring national selection coaches.

“I would like to thank to Croatian Judo Federation for hospitality and organization, which is this year as well on high level. Fourth times we are already here and one more time it’s confirmed that the location is great, which has great conditions for training, spending time with friends and to relax.”  - Ezio Gamba opened with the speech during EJU Administration & Organisation seminar in Poreč.

For the first time, EJU Administration & Organisation seminar was held in Poreč, transition from Vienna to Poreč showed as a really good idea as National Federation representatives also had opportunity to visit Festival more closely.

As a part of Judo Festival, Croatian Judo Federation had annual congress, which was visited by the EJU President Sergey Soloveychik.

“You should be all proud at the effort you did to make it Judo Festival happen. This festival is a real proof why European Judo Union is the most progressive Union under the IJF.”

President Soloveychik added for the end: “I wish all Croatian Judokas a lot of sports luck. CJF deserves Olympic medal, hopefully that will happen in Tokyo and that it will be gold one.”

Once more Croatian Judo Federation had a big task in front of them, especially as the number of participants grew up +350. Sun, beach and fun, this is all about Poreč.