Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/Budokan.jpg
Judo

Cresce l'attesa per i Mondiali, Medves "Sono carico"

Mancano pochi giorni a domenica 25 agosto, la prima delle otto giornate dedicate ai mondiali di judo. E se la Nazionale è già in Giappone per il lavoro di rifinitura, in Italia cresce l’attesa di scoprire quali emozioni sapranno regalarci gli azzurri in gara.

Sarà un mondiale speciale perché si terrà nel leggendario Nippon Budokan di Tokyo, ma anche perché chi vincerà il titolo si ripresenterà sullo stesso tatami tra un anno, ai Giochi Olimpici, da Campione del Mondo in carica.

Sono 13 gli azzurri che cercheranno di portare in Italia un titolo che manca da diversi anni. Per le donne bisogna risalire ai mondiali di Barcellona del 1991 (Pierantozzi e Giungi), mentre per gli uomini sarebbe addirittura il primo della storia.

Nella prima giornata sarà subito di scena il siciliano Elios Manzi. Da poco rientrato alle gare internazionali di alto livello nei -60kg ha dimostrato già quattro anni fa di essere capace di tutto qualificandosi per le Olimpiadi di Rio in pochissimi mesi. Lecito aspettarsi grandi emozioni quindi in una categoria in cui l’uomo da battere è il giapponese tre volte iridato Naohisa Takato (2013, 2017 e 2018).

Lunedì 26 è sicuramente la giornata clou per i colori FVG. Nei -66kg sarà infatti impegnato l’udinese Matteo Medves, vice campione europeo in carica: “Al momento siamo a Fujieda, la città che ci ospita ormai da quattro anni per i nostri ritiri in Giappone. – racconta Matteo - Tutto sta andando bene, a partire dagli allenamenti, fino al più piccolo particolare. Sono carico, rispondo bene ai randori e (tocchiamo ferro) fisicamente sono abbastanza a posto, per lo meno molto meglio del pre-europeo. Nonostante manchi una settimana mentalmente sono rilassato, al momento seppur sia già in Giappone non sento la tensione caratteristica di una gara così importante e nemmeno ci penso troppo... sto facendo le cose come devo farle e quello che dovrà succedere il 26... succederà”.

Lo stesso giorno saliranno sul tatami altre due punte di diamante della spedizione azzurra: Manuel Lombardo (-66kg), che si presenterà alla sua prima rassegna iridata senior da campione mondiale juniores, e la vice campionessa olimpica dei -52kg, Odette Giuffrida. Sulla strada dei nostri atleti, ancora una volta due giapponesi, il due volte campione del mondo dei -66kg Hifumi Abe (2017, 2018) e la sorella Uta Abe, campionessa del mondo in carica dei -52kg, senza naturalmente dimenticare la fortissima campionessa olimpica kosovara Majlinda Kelmendi.

Lo spettacolo è assicurato anche mercoledì 27, quando toccherà al campione olimpico Fabio Basile impegnato assieme al giovane Giovanni Esposito nei -73kg. Se “I re non muoiono mai” -come dice Fabio- staremo a vedere chi la spunterà in una categoria durissima in cui spicca il beniamino di casa, sua maestà Shoei Ono.

Giovedì 28 saranno ben quattro gli azzurri in gara. Nei -81kg l’Italia schiererà Antonio Esposito e Christian Parlati, due atleti che hanno già vinto il titolo tra gli juniores (rispettivamente nel 2013 e nel 2018), mentre il leader della categoria è l’iraniano Saeid Mollaei. Nei -63kg saliranno sul tatami l’olimpionica Edwige Gwend e la recente medaglia di bronzo europea Maria Centracchio. Per vincere dovranno farsi largo tra (almeno) due titani: la francese, campionessa del mondo in carica, Clarisse Agbegnenou e la campionessa olimpica slovena Tina Trstnjak.

L’ultima giornata di gare per gli italiani sarà venerdì 29 agosto con tre protagonisti di tutto rispetto. Nei -90kg Matteo Marconcini, quinto a Rio, da poco passato nella categoria di peso superiore, affiancherà Nicholas Mungai. Tra i favoriti della vigilia c’è sicuramente il campione del mondo 2018, lo spagnolo Nikoloz Sherazadishvili. Nei -70kg è attesa invece Alice Bellandi, campionessa del mondo juniores, che dovrà tenere testa alle più esperte atlete della categoria, tra cui la giapponese detentrice del titolo Chizuru Arai.

Sabato 30 sarà la volta dei -100kg maschili e -78kg femminili mentre domenica 31 saliranno sul tatami gli atleti delle categorie over senza azzurri in gara. L’Italia non sarà presente nella rassegna a squadre miste prevista per domenica 1 settembre.

Tutte le finali verranno trasmesse in diretta su Sky Sport Arena dalle 12.00 alle 14.30 (ora italiana) con il commento di Ivano Pasqualino e Ylenia Scapin.

Buon divertimento!