Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2021/medium/ghinami_panagia_abraccio.jpg
Karate

ALESSIO GHINAMI BRONZO NAZIONALE AGLI ASSOLUTI DI KATA

OSTIA - ROMA. Centro Olimpico Palapellicone. Vince lo strepitoso Gankaku di Ghinami (25,4 punti) contro quello di Panagia (25,22 punti). Il derby che ha visto il gruppo sportivo Carabinieri contro quello della guardia Polizia di Stato ha premiato il talento del Friuli Venezia Giulia. Gankaku è forse il più spettacolare Kata dello Shotokan Ryu e non a caso entrambi gli atleti che si sono sfidati per questa finale hanno scelto di eseguirlo. Potenza, velocità ed equilibrio vengono espressi al loro estremo. Alessio già campione mondiale e plurimedagliato nazionale ed europeo, come sempre, non delude. Già allievo del Maestro Salvatore Criscuolo - Atletic Karate -  il futuro di Alessio è certamente roseo.

Interessante e degna di nota anche l’esperienza degli altri atleti FVG. Mesaglio Martina, già veterana del tatami nazionale, e Pavan Sebastiano del Bushido Dojo Udine, Dobosz Sara per la Defence Karate 2000 e Jornea Jon per il Karate Do Trieste hanno portato in alto i colori FVG pur non riuscendo a superare tutti i gironi. Proprio quest’ultimo, Jon, la prossima settimana discuterà la sua tesi di laurea a Trieste in International Economics and Financial Markets. Voleva esserci a tutti i costi per poter gareggiare assieme ai compagni di squadra FVG a questa straordinaria edizione dei campionati. La prima, anche se speriamo non l’ultima, a disputarsi a ridosso delle Olimpiadi. Sul tatami infatti anche gli olimpici Vivina Bottaro e Mattia Busato che conquistano entrambi la medaglia d’oro.

Seppur alla prima esperienza i ragazzi FVG pongono ottime basi per il futuro. La giovane squadra si è messa in gioco ed ha gettato il cuore oltre l'ostacolo. Ad maiora!