Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2021/medium/1014_SoderoBattagliaBottaro.jpeg
Karate

Roberta Sodero saluta il grado di coach nazionale e lo cede a Sara Battaglia

Pochi mesi fa festeggiava la prima storica medaglia italiana del karate alle Olimpiadi conquistata dalla sua allieva Viviana Bottaro, Roberta Sodero ha deciso di lasciare il grado di coach della nazionale a Sara Battaglia.

"È una decisione che ho maturato nell'ultimo anno e mezzo, quando ho cominciato a concentrare il mio lavoro esclusivamente su Viviana. - racconta Roberta - Ho iniziato a lavorare h24 con lei e mi sono resa conto di come non sentissi la mancanza di essere sempre in giro per il mondo per seguire le gare. Ho ritrovato la sensazione di casa, dopo una vita sempre in giro da un continente all'altro. Mi sono resa conto che stavo bene anche a casa. Ho deciso quindi che avrei fatto l'Olimpiade e se fosse andata bene, avrei accompagnato Viviana anche al mondiale e poi avrei passato il mio testimone. Ed è stato così, abbiamo fatto medaglia, tra un mese sarò a Dubai con lei per il mondiale e poi mi fermerò dall'attività nazionale, intesa come impegni internazionali, e mi dedicherò a 360° alle Fiamme Oro. Sentivo il bisogno di una vita più normale e serena, seguendo quelli che sono i miei ragazzi e muovendomi solamente quando ne sento la voglia."

Non è quindi un addio totale al karate, ma come sottolinea Roberta stessa, è un cambiamento dovuto alla necessità di un cambio di prospettiva nei confronti della propria vita.

"Mi è stato chiesto fino al giorno prima del consiglio se ne fossi sicura e sì, a 45 anni è quello che sento dentro di me. Sono tranquilla e serena. Quando ho comunicato la mia decisione, poi, ed è uscito che Sara Battaglia sarebbe stata la mia sostituta, ho pensato subito che fosse un'ottima scelta. Sarò sempre a disposizione della Federazione, comunque, tanto che anche dopo il Mondiale mi fermerò qualche giorno in più per mostrare all'Expo la concezione del karate che abbiamo in Italia. È una sorta di arrivederci, non di certo un addio."

In bocca al lupo quindi a Roberta per questa nuova fase della sua via e a Sara Battaglia per il suo nuovo incarico!