Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/20191116_191600.jpg
Karate

Un oro, due argenti e un bronzo per il Karate Do Trieste all'Open di Lubiana

Bottino di tutto rispetto quello conquistato dagli atleti del Karate Do Trieste nello scorso fine settimana all'Open di Lubiana. Gli atleti del club triestino hanno portato a casa un oro, due argenti ed un bronzo. 

Ben 15 sono state le nazioni presenti, con un totale di 135 club partecipanti, dove il Karate Do Trieste ha chiuso al 29° posto in classifica.

 A conquistare la medaglia d'oro è stata Francesca Sibilla che con uno splendido Nijushiho contro la croata Omeje Irena nel kata +35. Non contenta, però, si è misurata anche nel kumite +35 Open dove ha conquistato la seconda medaglia di giornata, questa volta di color argento.

A farle compagnia è stato Andrea Plani che nel kumite +35 ha conseguito la seconda piazza. A chiudere, infine, la cerchia dei medagliati c'è Paolo Perucci che, dopo aver ceduto il passo al campione di casa, ha avuto la meglio nella finale per il bronzo con un bel Gojushiho sho sull’atleta iraniano Sarvarifakr Mohhamd.

"Hanno dato vita ad una gara entusiasmante e di altissimo livello tecnico, organizzata su 8 tatami che hanno lavorato incessantemente. - ha commentato il M° Anna Devivi - Bene i nostri ragazzi in gara. Usiamo la partecipazione in qs particolari, manifestazioni Open, per testare il livello tecnico perché sono occasione per trovare ragazzi di varie nazionali in gara ed è quindi occasione di una gran bella esperienza. Oltre alle ottime prestazioni dei medagliati, bravi anche gli altri nostri atleti  Aizza Samuel, Plani Maddalena alla sua 1 gara internazionale, Plani Margherita e Alessio Kodarin che, anche se non hanno centrato l’obiettivo di salire sul podio, hanno sempre perso con pochissimo svantaggio, segno che sono vicini al miglioramento".