Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/2019/medium/CAMPIONATI_JUNIORES_BRESCIA_2019_-_4_MEDAGLIATE.jpg
Judo

CAMPIONATI ITALIANI JUNIORES 2019: VEVE TONIOLO E BETTY VUK, RAGAZZE D’ORO!

Brescia, 12 maggio 2019 – Una giornata ricca di emozione, quella regalataci oggi dalle atlete FVG ai Campionati Italiani Juniores al San Filippo di Brescia. Le competizioni, iniziate alle ore 9.00, hanno evidenziato subito il percorso più che positivo della triestina Veronica Toniolo nei 52 kg e dell’udinese Betty Vuk nei 78 kg. Il medagliere regionale è stato ulteriormente arricchito dal bronzo di Elisa Toniolo (SGT) nei 63 kg e di Asia Tavano (Sport Team Judo Udine) nei + 78 kg.

Superlativa Veronica Toniolo (SGT), che lo ricordiamo, è solamente al suo secondo anno cadetta, nella categoria 52 kg. Tre gli incontri che l’hanno condotta alla finale: il primo vinto al golden score, grazie ad un waza ari di uchi mata messo a punto contro la romana Gonini della Nuova Florida; il secondo vinto per waza ari di o soto gari sulla da poco campionessa assoluta Martina Castagnola; il terzo, infine, per ippon, con uno shime waza, sulla romana Silveri del Banzai Cortina. Nella tiratissima finale con Chiara Palanca dell’Accademia Torino, la vittoria è arrivata per hansoku make avversario.

“Sono molto contenta! Volevo questo secondo titolo quest’anno, ma sapevo che era veramente, veramente difficile! Sapevo che potevo farcela, però sapevo che ci potevano essere un sacco di imprevisti, perché le atlete in questa categoria sono molto forti! Dedico questa medaglia a tutti quelli che mi sopportano sempre, in particolare alla mia famiglia. Oggi è la festa della mamma, quindi, quando sono scesa dal tatami, ho dedicato la vittoria a mia mamma che mi seguiva in sedia e le ho detto auguri.. Questa medaglia è in gran parte sua… e poi la dedico anche a mio papà!”

“Che cosa hai provato quando hai battuto la Castagnola, neo campionessa italiana assoluta?”
“Sapevo che potevo farcela, che potevo vincere, anche se sapevo che era veramente un incontro duro. Per fortuna, il tipo di judo che ha Martina è abbastanza favorevole per me e quindi sono riuscita a farle waza ari. Me lo sentivo, dopo un po’, perché non ci avevo mai fatto insieme, ma sentivo che potevo proiettarla!”

“C’è stato un momento, quando stavano per assegnarti la vittoria alla finale, in cui, per l’emozione, sei letteralmente caduta in ginocchio: che cosa ti è passato per la testa?!”
“Come già detto, sapevo che potevo farcela, ma la vedevo come una cosa non lontana, ma per cui c’era veramente tanta strada da fare… sapevo di poter salire sul gradino più alto del podio, ma dovevo dare tutta me stessa, non potevo sbagliare niente, veramente niente! Non posso dire che non me l’aspettavo, perché sono venuta qui per vincere, però è stato veramente emozionante!”

“Prossimo obiettivo?”
“Adesso andrò all’European Cup a Coimbra e spero di far bene anche lì, per continuare quest’anno bene!”

Entusiasmante anche il percorso di Betty Vuk (Judo Tolmezzo), che si conferma campionessa italiana nei 78 kg. Dopo aver vinto abbastanza agilmente due incontri nelle eliminatorie (per doppio waza ari sulla torinese Conti, per ippon di harai goshi su una vecchia conoscenza, la toscana Caleo), si è ritrovata in finale con la ligure Andreoli (Pro Recco Judo), che ha sconfitto mettendo a segno un waza ari di ko uchi gari, seguito da un osaekomi.

“Dopo due settimane fa, agli Assoluti, dove non ero al pieno delle mie capacità, diciamo che è una buona soddisfazione, perché mi sono rifatta! In realtà, non pensavo di vincere… cioè, di tornare a fare prima, dopo due settimane fa, ma le sensazioni sono state buone… almeno, arrivata alla finale, ho detto a me stessa: ok, la finale è mia, ce la posso rifare, come l’anno scorso!”

“L’incontro con la Caleo è stato decisivo: sapevi di poter vincere?”
“Ci avevo vinto anche agli Assoluti, al primo incontro… in quella giornata ero partita bene, poi la concentrazione è andata scemando… comunque sì, pensavo di vincere, ero abbastanza determinata!”.

Nei 48 kg Giulia Italia De Luca (SGT) ha vinto il primo incontro per ippon sulla sarda Mura, per poi perdere il secondo per waza ari con Silvia Drago. Ai recuperi ha messo a segno un ippon di uchi mata al primo incontro e ha vinto il secondo incontro di recupero per hansoku make avversario il secondo. Si è guadagnata così la finalina per il terzo/quinto posto.

Nei 52 kg, oltre allo strepitoso percorso di Veronica Toniolo, Carlotta Finotto (Dojo Udine) purtroppo ha perso subito contro la torinese Russo, che non l’ha ripescata. Anche Beatrice Musizza (SGT), ha perso il primo incontro contro la romana Ylenia Monaco; ripescata, ha subito doppio waza ari dalla lombarda Alessia Tedeschi, terminando così la sua gara.

Buon esordio per Sofia Cittaro (DLF Yama Arashi Udine) nei 57 kg: battuta per ippon la sarda Cara, ha perso contro la marchigiana Binci, subendo waza ari completato con un osaekomi, senza poi venir ripescata.

Nei 63 kg, l’udinese Michelle Kamano (DLF Yama Arashi Udine) ha messo a segno due waza ari nel primo incontro con la romana Morelli; ha poi perso il secondo incontro per hansoku make con la finalista di categoria Flavia Favorini (Judo Frascati Lazio). Ripescata, ha vinto i suoi due incontri, rispettivamente per ippon di o uchi gari e ippon di o soto makikomi, guadagnandosi così la finale per il terzo posto, che ha disputato contro la triestina Elisa Toniolo.

Degna di nota anche la gara della triestina, che, dopo tre incontri vinti (rispettivamente per waza ari di sode tsuri komi goshi al golden score con la piemontese Arfaoui, per waza ari di ko uchi gari contro l’emiliana Mazzotti e grazie a due doppi waza ari, entrambi di uchi mata sulla toscana Soraj), si è dovuta arrendere in finale alla neo campionessa italiana assoluta Nicolle D’Isanto (C.S. Pomilia).

“Diciamo che almeno ho migliorato il quinto posto dell’anno scorso!” ha detto Elisa, un po’ amareggiata. “È stata una gara decisamente difficile, poteva andare meglio, però, passo dopo passo continuiamo!” ha concluso con la determinazione che la contraddistingue.

Nulla di fatto per l’udinese Asia Golosetti (Sport Team Udine), che ha perso il primo incontro con la piemontese Giardino, che non l’ha ripescata.

Nulla di fatto per la pordenonese Michelle Rossolato (Judo Montereale), che non è riuscita a superare le fasi preliminari e non ha avuto occasioni di ripescaggio nei 70 kg.

L’esordio è stato impegnativo nei + 78 kg per Asia Tavano (Sport Team Judo Udine): l’udinese, ultimo anno cadetta, si è scontrata con la torinese Erica Simonetti (Akiyama Settimo Torinese), anche lei cadetta, in un incontro tirato, che è terminato con la sconfitta per Asia. Recuperata, ha vinto due incontri, il primo per ippon sulla lombarda Pagani, il secondo per doppio waza ari sulla calabrese Orlando, guadagnandosi la finale per il bronzo con la pugliese Giordano (Team Iacovazzi). Finale vinta abbastanza agevolmente dall’atleta friulana, che ha messo a segno un doppio waza ari (tai otoshi e osaekomi), cogliendo l’agognata medaglia di bronzo.

“La gara in generale è andata abbastanza bene… puntavo al primo posto, ma comunque mi accontento di questa medaglia… dispiace per il primo incontro… il prossimo anno spero di fare il primo posto!”.

Il commento di fine giornata è arrivato da Cinzia Cavazzuti, Vicepresidente settore judo del Comitato FIJLKAM Lombardia: “È andata abbastanza bene, siamo soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto e di come ci siamo organizzati… ci sono state delle criticità, ma per essere la prima volta come lavoro della nuova gestione del Comitato Lombardia, possiamo di certo individuare i punti di miglioramento e fare meglio. Il nostro obiettivo è organizzare una gara meglio del Friuli!” scherza. “Sarà dura, ma ce la faremo!”.

Di seguito i risultati completi della giornata:

44 kg: 1) Asia Avanzato (Nuova Florida Roma) 2) Irene Impalà (Judo Club Pirri) 3) Ilenia Salfi (ASD Dojo Judo) 3) Giulia Giorgi (Hydra Club)

48 kg: 1) Assunta Scutto (Judo Star Napoli) 2) Carlotta Avanzato (Nuova Florida Roma) 3) Giulia Santini (Nuova Florida Roma) 3) Silvia Giuseppa Drago (ASD Titania Club Judo Aikido)

52 kg: 1) Veronica Toniolo (SGT) 2) Martina Palanca (Accademia Torino 3) Ylenia Monaco (Nuova Florida) 3) Federica Silveri (Banzai Cortina Roma)

57 kg: 1) Silvia Pellitteri (Accademia Torino) 2) Federica Luciano (C.R.S. Akiyama Settimo) 3) Sara Lisciani (Banzai Cortina Roma) 3) Valentina Tomellini (Judo Club Parabiago)

63 kg: 1) Flavia Favorini (Judo Frascati) 2) Nicolle D’Isanto (Centro Sportivo Dilettantistico Pomilia) 3) Caterina Mazzotti (KDSK Parma) 3) Elisa Toniolo (SGT)

70 kg: 1) Martina Esposito (Star Judo Club Napoli) 2) Claudia Cerutti C.R.S. Akiyama Settimo 3) Irene Pedrotti (Dojo Equipe Bologna) 3) Cecilia Betemps (ASD Centro)

78 kg: 1) Betty Vuk (ASD Judo Tolmezzo) 2) Elena Andreoli (Pro Recco Judo) 3) Anna Fortunio (ASD Judo Fortitudo) 3) Carolina Mengucci (Banzai Cortina Roma)

+78 kg: 1) Annalisa Calagreti (FfGg), 2) Erica Simonetti (Akiyama Settimo), 3) Valentina Miele (Banzai Cortina) e Asya Tavano (Sport Team Udine)

Classifica Società: 1) ASD Fitness Club Nuova Florida Roma 2) ASD Banzai Cortina Roma 3) C.R.S. Akiyama SSD ARL