Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/friuli_venezia_giulia/medium/20190907_Bratislava_7.jpg
Judo

Italia quattro volte sul podio a Bratislava: l’inno suona per Michela Fiorini e Carmine Di Loreto!

Buona partenza per gli atleti italiani in gara nell’European Cup Senior di Bratislava (Slovacchia): due ori, rispettivamente per Michela Fiorini nei 48 kg e per Carmine Di Loreto nei 66 kg, un argento per Miriam Boi nei 63 kg e un bronzo per Elisa Adrasti ancora nei 48 kg; questo il bottino per la prima giornata presso lo Sport Hall “Hant Arena” di Bratislava.

Quattro le vittorie, tutte ottenute per ippon, messe a segno da Michela Fiorini nella categoria dei 48 kg, rispettivamente contro l’israeliana Minsker, la tedesca Sturm, la belga Jura e la polacca Konieczny.  Nella stessa categoria, Elisa Adrasti ha messo a segno due ippon contro l’israeliana Shachar e la francese Becerro, prima di venir battuta dalla polacca Konieczny; in finale per il terzo posto Adrasti è riuscita a farsi valere sull’israeliana Minsker.

Percorso netto per Carmine Di Loreto che, nei 66 kg, ha inanellato ben cinque vittorie, col tedesco Edmeier, con l’ucraino Vshestenko, col francese Dakayev, col tedesco Adam e con l’ucraino Hasanagaev.

L’argento di Miriam Boi nei 63 kg è arrivato dopo tre ippon contro la tedesca Bombello, la svedese Jaworowski e la svizzera Hildbrand. Solamente in finale, Boi si è dovuta arrendere alla tedesca Bazynski.  Nella stessa categoria nulla di fatto per l’unica atleta FVG in gara oggi, Laura Scano, che purtroppo non ha superato le fasi iniziali di gara.

Quinto posto, infine, per Augusto Meloni nei 73 kg, che, dopo tre vittorie contro il polacco Wawrzyczek, l’ungherese Takacs , l’ucraino Sadzhaia, è stato sconfitto dal kazako Abdurakhmanov. La finale per il terzo posto si è poi conclusa a favore dello svizzero Allemann, in seguito ad un accumulo di shido che hanno portato all’hansoku make per l’italiano.