Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/medium/futuro-1200x700.jpg
Judo

#JUDOLOMBARDIA2020: RIPARTIAMO!

Ripartire non è facile: il mondo delle Arti Marziali lo sa più degli altri e sta vivendo con apprensione queste settimane di graduale ripresa delle attività. Se è un dato di fatto che l’emergenza non sia finita, tuttavia occorre approfittare del momento per prendere lo slancio e per rialzarsi con attenta determinazione: è il momento delle scelte, quelle che possono fare la differenza.

JL DEF“Questo è un momento delicato” commenta Cinzia Cavazzuti, vicepresidente FIJLKAM Judo Lombardia “Dobbiamo trasformare la situazione di difficoltà in un’occasione per rinnovarci, ripartendo con buon senso e determinazione: abbiamo la responsabilità di dare una prospettiva sicura e serena al nostro movimento e per fare questo occorre mettere in atto delle strategie puntuali. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra agire in sicurezza e con responsabilità verso la collettività, mettendoci al servizio della società, come la nostra disciplina ci insegna e far ripartire la pratica del judo a tutti i livelli.”

In vista del Consiglio Federale di agosto, il Comitato Regionale Judo Lombardia ha fatto sintesi delle proposte emerse dal Progetto #JUDOLOMBARDIA2020 individuando alcune priorità da presentare alla presidenza Federale: l’auspicio è quello di fornire elementi utili per delineare una sempre più completa strategia Federale per la ripartenza degli sport FIJLKAM.

Di seguito le cinque priorità individuate con il contributo di tecnici, dirigenti, atleti e genitori:

  • Uso delle strutture scolastiche per lo sport: è necessario che la Federazione sensibilizzi le istituzioni al problema dell’uso delle strutture scolastiche per l’attività sportiva; la mancanza di indicazioni certe, mina la ripresa di moltissime realtà.
  • Contributi straordinari per le realtà più colpite dall’epidemia: l’impatto dell’epidemia da COVID-19 è stato eterogeneo sul territorio nazionale, con alcune zone, come quella Lombarda, più colpite di altre: si chiede l’erogazione di contributi straordinari per il supporto e l’assistenza delle realtà sportive di queste aree.
  • Revisione delle Linee Guida Federali: in vista della ripresa delle attività di base, è necessario rimodulare le Linee Guida Federali, contestualizzandole maggiormente, in particolare per quanto riguarda l’uso degli spazi e il rapporto tra utenti/superficie (bambini vs. adulti; attività di base vs. agonismo).
  • Agonismo, sport di vertice e non solo: un percorso di ripresa deve prevedere la possibilità di rimodulare i calendari federali, mantenendo gli eventi-obiettivo che motivano la stagione – e i sacrifici – di tutti gli atleti di ciascuna fascia d’età; si tratta inoltre di rivedere le modalità tradizionali con cui sono proposte queste gare, individuando possibilità alternative ed innovative. A questo proposito è necessario delineare delle linee operative per poter proporre attività competitive e promozionali in sicurezza.
  • Promozione pubblicitaria: è fondamentale raggiungere i media più importanti con una campagna pubblicitaria che metta in luce i valori positivi delle discipline FIJLKAM, mostrando anche come i nostri sport possano essere praticati in sicurezza; è fondamentale che sia la Federazione a promuovere una campagna su scala nazionale prima del tradizionale inizio dei corsi e dell’avvio scuole.

Il Comitato Regionale Lombardia settore Judo dal canto suo sta avviando un dialogo con le istituzioni Regionali e con il CONI Lombardia sulle tematiche esposte nei punti 1 e 2, con l’auspicio di arrivare in breve a fornire ai dirigenti sociali, gli strumenti utili per una positiva ripartenza.