Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il mondiale di Giorgia Stangherlin si è fermato con Mami Umeki. Nella quinta giornata dei campionati del mondo a Budapest, infatti, la giapponese nei 78 kg, già oro mondiale 2015, argento 2017 e n. 5 del ranking olimpico, è risultata un ostacolo insuperabile per la 25enne di Vittorio Veneto che, purtroppo, se l’è trovata di fronte subito al primo turno di gara, nei sedicesimi di finale.

Umeki è poi andata fino in fondo alla gara per mettere al collo quella medaglia di bronzo che ancora mancava alla sua collezione personale, mentre Giorgia Stangherlin ha fatto le sue considerazioni, “sicuramente beccare al mondiale al primo la giapponese non è il massimo – ha detto l’azzurra- anche se non mi faccio influenzare dal nome, entro e combatto. Sono rientrata all'ultimo in corsa per la qualificazione e sapevo che sarebbero stati mesi difficili.

20210611 GStangherlin 3Mi dispiace di non esser riuscita a raggiungere l'obiettivo. -ha concluso Giorgia- Ora mi riposo e sistemo i dolori fisici che ho e che in questi mesi non mi hanno dato pace”.

“Dispiace perché ci sono atlete come Giorgia, che hanno mille punti e quindi hanno fatto un percorso investendo tanto e non si qualificano -è stata la riflessione di Francesco Bruyere- mentre c’è anche chi non gareggia da due anni, ha sei punti e si qualifica.

Si comprende il motivo e ben venga l’equità ed il massimo coinvolgimento per tutti i paesi, ma quelli sono aspetti che si potrebbero gestire con le wild cards e lasciare che sia il merito a qualificare con le quote, ad esempio i primi trenta della classifica e poi le wild cards.

Questo è un ragionamento che circola in linea di massima dietro le quinte, ovvero fra i coach nella zona warm-up e, da quanto ho modo di sentire, è abbastanza condiviso”.

Domani, sabato, ultima giornata di gare individuali ed anche senza atleti in gara, l’attenzione dell’intero staff azzurro sarà al massimo, perché dopo l’inserimento degli ultimi risultati individuali si potranno sciogliere gli ultimi enigmi sulla qualificazione degli atleti. L’attesa ha le ore contate…

I risultati della 5^ giornata

78: 1. Anna Maria Wagner (Ger)

2. Madeleine Malonga (Fra)

3. Guusje Steenhuis (Ned)

3. Mami Umeki (Jpn)

100: 1. Jorge Fonseca (Por)

2. Aleksandar Kukolj (Srb)

3. Varlam Liparteliani (Geo)

3. Ilia Sulamanidze (Geo)