Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L’incontro va collocato fra quelli che avvengono completamente per caso, ma ha generato ugualmente una scintilla di amicizia e solidarietà reciproca che è scoccata spontanea ed immediata.

È questa la forza dello Sport!

Il fatto risale a ieri, domenica 5 settembre, nel Bella Italia Village a Lignano Sabbiadoro quando la squadra azzurra juniores stava già organizzando la partenza per Lussemburgo, dove sono in programma i campionati europei di classe.

Ed un altro gruppo di atleti con disabilità intellettiva/relazionale (Fisdir) provenienti da nove regioni si apprestava a concludere la sesta edizione degli Adria Inclusive Games, una grande festa di sport integrato che comprende fra l’altro anche judo e karate, con la partecipazione di tanti volontari, accompagnatori e familiari.

“Abbiamo incrociato con un gruppo di ragazzi che praticano judo -ha raccontato Vito, uno dei coach della squadra azzurra- loro uscivano, noi entravamo… tutti con il judogi addosso… ci siamo guardati ed iniziare a chiacchierare è stato un attimo. Ci hanno raccontato dei loro progetti e delle emozioni della manifestazione che, iniziata il mercoledì, stavano per concludere. Poi ci hanno chiesto di fare una foto assieme, che possa essere un auspicio reciproco, per gli impegni che attendono noi e loro”.