Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Roma, 17 agosto 2017 - E’ di questa mattina la notizia della decisione della Federazione Mondiale di Lotta (United World Wrestling) di squalificare per doping Islambek Dadov, atleta azero che si era piazzato sul primo gradino del podio dei 71 chilogrammi agli Europei Under23 di Szombathely (HUN) lo scorso aprile.
Conseguentemente l’Azzurro Riccardo Abbrescia che in quella competizione aveva ottenuto il quinto posto, scivola in alto e raggiunge la medaglia di bronzo. 
Una grande soddisfazione per il ventenne delle Fiamme Oro che recupera, così, la delusione di essersi visto sfilare la medaglia per un esiguo vantaggio del suo oppositore in finale al podio europeo, l’ungherese Attila Fritsch (8 a 5 per il magiaro l’esito finale), incontrato dopo essere stato fermato ai quarti proprio da Dadov, oggi positivo al doping.

Per Riccardo Abbrescia si tratta del secondo bronzo europeo, dopo quello del 2011 nella classe cadetta.