Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Gli 80 anni di Mario Giardi, pioniere del judo piemontese

images/large/MGiardiLGuido3.jpg

Può darsi molti lo conoscano perché è il Maestro di Luigi Guido, protagonista in tre Olimpiadi e da oltre 15 anni apprezzato tecnico federale. Mario Giardi però, che ha compiuto gli ottant’anni da pochi giorni, è molto di più. È stato uno dei pionieri del judo piemontese, ha fondato il Ginnic Valenza ed è stato anche il primo ad acquisire la cintura nera nella provincia di Alessandria. Ma più delle parole, per questo compleanno valgono i sentimenti, soprattutto quando ad esprimerli è l’allievo prediletto di Mario Giardi, Luigi Guido.

MGiardiLGuido2“Tanti auguri Maestro! Sì, perché Mario Giardi è una persona speciale, che mi ha fatto crescere agonisticamente e mi ha dato il giusto imprinting mentale per capire quali potevano essere i miei obiettivi. Una persona carismatica, dal carattere forte, duro, anche difficile, ma che sapeva ascoltare molto e tutte le volte che ho avuto bisogno di un consiglio, è da lui che sono andato. E poi è di una simpatia disarmante, tutti i bambini che hanno frequentato i corsi di judo a Valenza lo hanno amato e lo amano, nella comunità valenzana si tratta di generazioni di nonni, padri, figli e nipoti. Un personaggio che è stato pioniere ed avventuriero, negli anni 80 caricava il pullmino e partiva per destinazioni in cui non si scherzava se ti fermavano. E sono tante le volte che hanno fermato quel pullmino, ma lui ha sempre saputo trovare la soluzione del problema. Ovviamente per essere una persona così devi avere al tuo fianco una gran donna, infatti sua moglie Luciana è veramente l’anima organizzativa della società, che adesso si sta prendendo cura di Mario e che ha sempre saputo farsi sentire. E poi i figli, Claudio è mio coetaneo e Silvia, due anni più giovane, sono molto affezionato a loro. Ultimissima cosa, una passione smodata per il judo, più o meno come tutti i pionieri è stato un autodidatta, andava a Torino dal Maestro Sugiyama ed ovunque si potesse imparare. Ancora buon ottantesimo compleanno Maestro Mario”.

Fonte: fijlkam.it/piemonte - Articolo completo