Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Top News 21! Fijlkam Marche sostiene la Donna protetta

images/large/TopNews_21.jpg

Si è concluso sabato 17 ottobre il corso di sicurezza personale femminile destinato a donne vittime di violenza risultato del partenariato tra la società sportiva Palestra Sirius e la cooperativa sociale Il Faro. Quest’ultima lo scorso anno si è aggiudicata il bando per la gestione del centro antiviolenza provinciale di Macerata e ha previsto, tra le azioni di contrasto alla violenza contro le donne, i corsi di sicurezza e difesa personale che la Palestra Sirius propone nell’ambito del progetto Donna Protetta. “Abbiamo voluto raccogliere le competenze acquisite con l’insegnamento della difesa personale in questo progetto per poter fornire un aiuto concreto nella lotta alla violenza di genere – spiegano i referenti Antonella Pizzolla e Lorenzo Castricini - e negli anni Donna Protetta si è dimostrato un valido mezzo con cui costruire nelle donne la giusta consapevolezza riguardo la violenza, guidandole a riscoprire la loro autostima e limitando drasticamente la possibilità che diventino vittime”.

Donna ProtettaDonna Protetta si pone lo scopo di insegnare a ridurre al minimo il rischio di cadere preda di malviventi o molestatori e prevede la reazione fisica solo come ultima opportunità, da utilizzare quando qualsiasi altra azione risulti impossibile o inefficace. Alla base sono stati posti i principi del Metodo Globale Autodifesa, un programma tecnico sviluppato dalla FIJLKAM, Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal CONI e unico organo di governo per gli sport del Judo, della Lotta, del Karate e delle arti marziali. Il Metodo Globale Autodifesa è una sintesi di più discipline di combattimento orientate alla difesa e permette di fronteggiare condizioni di pericolo tramite poche tecniche che possano essere assimilate in breve tempo. È completato dall’insegnamento di elementi sulla giurisprudenza che regolamenta la difesa legittima in Italia e da una conoscenza di base di psicologica applicata alle situazioni di rischio.

“La scelta di proporre un corso di autodifesa femminile gratuito - ha spiegato Elisa Giusti, responsabile dei servizi antiviolenza della cooperativa Il Faro - è maturata dall’idea di far confrontare un gruppo di donne che hanno subito violenza e dare loro l’occasione di capire che la violenza di genere è un problema culturale e strutturale della nostra società che potrebbe capitare a ognuna di noi. Per questo è necessario capire alcuni comportamenti, acquisire un linguaggio specifico, avere consapevolezza di ciò che potrebbe accadere e capire come poter tenere un atteggiamento sicuro di fronte a un possibile rischio. Quello proposto non è un corso per imparare a picchiare e difendersi dall’uomo cattivo ma un corso di conoscenza e condivisione. La donna non è oggetto di cui disporre a proprio piacimento e non è proprietà di nessuno. La paura della violenza spesso può rendere sottomesse ma conoscere quella stessa paura e nominarla poi ci dà la forza di reagire”.

Alla cerimonia di consegna degli attestati è intervenuto il Presidente del Comitato Regionale Marche FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) Marco Masi, che nel suo intervento ha evidenziato come “i principi fondamentali dei nostri sport sono il rispetto delle regole e il rispetto dell’avversario e la Federazione con MGA Donna, un programma di difesa dedicato espressamente alle signore, vuole fornire un concreto contributo alla lotta contro ogni forma di discriminazione di genere”.

Il Faro gestisce il Centro Antiviolenza di Macerata “S.O.S. Donna” che ha sportelli territoriali a Civitanova Marche, Porto Recanati, Castelraimondo e San Ginesio. Il numero telefonico è 0733/1990133.

Fonte: fijlkam.it/marche

Da sinistra nella foto: Lorenzo Castricini (istruttore), Elisa Giusti (responsabile dei servizi antiviolenza della cooperativa Il Faro), Antonella Pizzolla (istruttore), Marco Masi (Presidente FIJLKAM C.R. Marche)

LastNews