Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Sono più di duecento gli atleti italiani che saranno impegnati nell’imminente fine settimana, sabato 7 e domenica 8 aprile, sui tatami internazionali allestiti nelle diverse classi d’età con i circuiti European Cup. A Dubrovnik, in Croazia, ben 23 gareggeranno nell’European Cup Senior cui partecipano 203 atleti appartenenti a 21 nazioni, mentre a Berlino, dove saranno a confronto 628 atleti della classe U18 appartenenti a 38 nazioni, gli atleti italiani saranno 38. Ma il numero più alto di atleti italiani in gara è riservato naturalmente all’European Cup Junior che si disputa in Italia ed è in programma al Bella Italia Village a Lignano, dove sono in arrivo da tutta Italia ben 149 atleti, per un contesto che registra complessivamente in gara 687 atleti di 38 nazioni. Il Judo Kuroki Tarcento, organizzatore della manifestazione, ha presentato l’evento con una conferenza stampa in un cui è stato detto, fra l’altro: «Quest’anno abbiamo raggiunto il maggior numero di partecipanti – ha spiegato Gianluca Pugnetti del Judo Kuroki – se pensiamo che l’anno scorso c’erano 437 atleti da 30 nazioni, mentre quest’anno sono diventati 687 da 38 paesi del mondo. È chiaro che questa partecipazione comporta un grande impegno organizzativo che coinvolge oltre un centinaio di volontari». Il Tarcento Trophy vanta una lunga tradizione a cui, nel corso degli anni, hanno partecipato moltissime figure di spicco del judo internazionale, tra cui cinque medagliati olimpici. Il testimonial di questa edizione è Francesco Bruyere, vincitore di sei edizioni del trofeo e attualmente membro dello staff tecnico della nazionale: «La Federazione – ha spiegato Sandro Scano, vice presidente Fijlkam FVG – sostiene da tempo la Kuroki Tarcento in questo avvenimento che è in costante crescita e che da diversi anni registra la partecipazione di molti atleti che molto spesso successivamente si distinguono ottenendo medaglie olimpioniche».