Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Delle 36 nazioni che, con 606 atleti, hanno partecipato all’European Cup Junior a Lignano (ITA) ne sono bastate cinque per mettere insieme ben 40 medaglie. A fare la differenza (e che differenza!) sono state la Francia con 10 medaglie, 4 d’oro (Anais Mosdier, Manon Deketer, Romane Diko, Israil Dakayev), l’Ungheria con 8, 3 d’oro (Fatime Beringer, Peter Arvai, Richard Sipocz), la Russia con 8 medaglie, 2 d’oro (Ekaterina Dolgikh, Madina Kaisinova), l’Italia con 9, 1 d’oro (Alice Bellandi) e l’Azerbaijan con 5, 1 d’oro (Balabay Aghayev). Il 36° Trofeo Tarcento, questo il nome della manifestazione organizzata dal Judo Kuroki, diventata dal 2011 European Cup, è stato vinto dall’Ungheria, prima nel medagliere maschile, alla Francia, regina del medagliere femminile la Coppa Unione Europea e la Coppa Valli del Torre per il primato nel medagliere assoluto. Il Kyrgyzstan si è aggiudicato infine la Coppa Amicizia e la Polisportiva Villanova, grazie al terzo posto di Kenny Komi Bedel, ha potuto mettere in bacheca la Coppa Costantini. “Questa European Cup Junior organizzata a Lignano è stata di livello molto elevato – ha detto Raffaele Toniolo, tecnico dell’Italia Juniores – e nonostante alcuni dei nostri Junior più forti siano stati a riposo in vista della preparazione per gli Europei Seniores i nostri atleti sono riusciti ad ottenere 9 medaglie, una in più del 2017. C'è da essere soddisfatti per il livello elevato che ancora una volta i nostri atleti juniores hanno dimostrato”. Le medaglie italiane nella seconda giornata sono state quelle di Alice Bellandi, oro nei 70 kg, Nadia Simeoli, argento nei 63 kg ed i quattro terzi posti di Martina Esposito (70), Anna Fortunio (78), Kenny Bedel (81) e Lorenzo Agro Sylvain (+100). Un momento di grande ‘pathos’ si è verificato nella semifinale dei +100 kg, quando la sfida fra il russo Babayan e l’inglese Greenidge, entrambi con due ‘shido’ a carico, non hanno trattenuto la tensione spintonandosi dopo un ‘matè’. È scattato il doppio hansokumake (squalifica) che, oltre a suscitare scalpore fra i due ‘aspiranti finalisti’ ha suscitato la delusione del pubblico, che per metà attendeva la vittoria di uno e, l’altra metà, dell’altro. L’abbraccio fra i due atleti è stato il segnale di accettazione del verdetto e ha avuto la capacità e la forza di trasformare i fischi delle due opposte tifoserie in un unico grande applauso. Poi, la finale per il primo posto ed una delle due per il terzo, non sono state disputate, e la seconda piazza del podio è rimasta vuota.

Classifiche

F-44: 1) Fatime Beringer (Hun), 2) Melanie Frigoul (Fra), 3) Olga Borisova (Rus) e Mireia Rodriguez Salvador (Esp); 48: 1) Ekaterina Dolgikh (Rus), 2) Julie Weill Dit Morey (Fra), 3) Blandie Pont (Fra) e Andrea Stojadinov (Srb); 52: 1) Anais Mosdier (Fra), 2) Nadezda Petrovic (Srb), 3) Linda Grace Besnard (Fra) e Nina Estefania Linne (Esp); 57: 1) Shaked Amihai (Isr), 2) Acelya Toprak (Gbr), 3) Anna Dabrowska (Pol) e Gaetane Deberdt (Fra); 63: 1) Manon Deketer (Fra), 2) Nadia Simeoli (Ita), 3) Ida Eriksson (Swe) e Jovana Obradovic (Srb); 70: 1) Alice Bellandi (Ita), 2) Eliza Wroblewska (Pol), 3) Martina Esposito (Ita) e Lucie Jarrot (Fra);

78: 1) Madina Kaisinova (Rus), 2) Fanni Toth (Hun), 3) Anna Fortunio (Ita) e Lea Schmid (Ger); 78: 1) Romane Diko (Fra), 2) Mercedesz Szigetvari (Hun), 3) Maria Hollwart (Aut) e Marketa Paulusova (Cze); M-55: 1) Balabay Aghayev (Aze), 2) Rashkhan Bakhishaliyev (Aze), 3) Rovshan Aliyev (Aze) e Murad Mirzazhanov (Rus); 60: 1) Samet Kumitas (Tur), 2) Yashar Najafov (Aze), 3) Mihrac Akkus (Tur), 3) Mihrac Akkus (Tur) e Ahmad Yusifov (Aze); 66: 1) Israil Dakayev (Fra), 2) Akos Kozma (Hun), 3) Edoardo Mella (Ita) e Kazbek Naguchev (Rus);

73: 1) Mathias Czizsek (Aut), 2) Matteo Mazzi (Ita), 3) Georgii Elbakiev (Rus) e Mattia Prosdocimo (Ita); 81: 1) Lukas Wittwer (Sui), 2) Erlan Sherov (Kgz), 3) Kenny Komi Bedel (Ita) e Roland Goz (Hun); 90: 1) Harry Lovellhewitt (Gbr), 2) Apor Toth (Hun), 3) Eldar Allakhverdiev (Rus) e Drako Brasnjovic (Srb); 100: 1) Peter Arvai (Hun), 2) Jan Goldhammer (Ger), 3) Kirill Brezhnev (Rus) e Adil Karimli (Aze); +100: 1) Richard Sipocz (Hun), 3) Lorenzo Agro Sylvain (Ita) e Enej Marinic (Slo).