Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Roma, 10 febbraio 2019 - Un fine settimana all’insegna della lotta libera e femminile quello che si è appena concluso ad Ostia. Al PalaPellicone sono stati assegnati trenta titoli italiani tra le categorie maschili, femminili e della classe cadetti. Spazio alle novità, ma anche per le conferme: l’italo-cubano Abraham Conyedo fa il bis nei -97 kg, superando il campione italiano 2018 dei 125 kg Simone Iannattoni che, cambiata categoria ottiene l’argento. Mantiene il primato nei -57 kg l’italo-georgiano Givi Davidovi, mentre Carmelo Lumia si riscatta nei -86 kg: dopo l’argento dello scorso anno nei -79 kg, oggi conquista il titolo assoluto dopo una bella finale contro Simone Fidelbo. Non si è visto salire sulle materassine del Centro Olimpico federale Frank Chamizo che, per un forfait dell’ultimo minuto, ha lasciato vacante il titolo nei -74 kg, occasione ghiotta presa e vinta da Gianluca Talamo. Nelle donne grande conferma per Dalma Caneva che si laurea Campionessa Italiana nei -72 kg. Nelle restanti categorie ampio spazio alle giovani azzurre medagliate agli ultimi Campionati Europei juniores: nei -76 kg domina Erica Rinaldi, nei -59 kg, Morena De Vita, nei -50 kg, Emanuela Liuzzi, mentre nei -62 kg grande sfida finale tra Elena Esposito e Aurora Campagna, quest’ultima uscita vittoriosa. 

Classifica società stile libero: 1) CUS Torino; 2) L.Club Rovereto; 3) VV.F. Padula Napoli; 4) Fiamme Oro Roma; 

Classifica società femminile: 1) CUS Torino; 2) Wrestling Liuzzi; 3) judo Trani; 4) G.S. Carabinieri Roma; 

Classifica società cadetti stile libero: 1) G.L. Livornesi; 2) L.Club Rovereto; 3)Shardana Silanus; 4) Cisa Faenza. 

Per i risultati completi e per i risultati del campionato italiano cadetti clicca qui.