Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

“Train the Trainers” un Progetto IKONS

images/NewsFederazione/large/Ikons1.jpg

Roma 11 ottobre 2019 - È iniziato questa mattina il Corso “Train the Trainers” nell’ambito del Progetto IKONS
“Inclusive Karate: a new perspective to decrease sedentary lifestyle and increase self-confidence in Down Syndrome”, co-finanzaito dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea.
Oltre alla presentazione della metodologia adattata, il Corso di formazione affronterà tematiche quali: definizione e nomenclatura della disabilità, il ruolo del tecnico sportivo e i metodi educativi, la classificazione della disabilità, la tutela sanitaria e assicurativa dell’atleta disabile. Relatori delle tre giornate il Prof. Fabio Verdone e il Dott. Maurizio Saravalli  della FIJLKAM e la Dott.ssa Piera Marchettoni della FISDIR.
Gli obiettivi principali del Progetto sono: promuovere e migliorare l’inclusione sociale di individui con Sindrome di Down attraverso la pratica del karate; migliorare le condizioni fisiche (abilità motorie, coordinazione, funzioni cognitive) ed attività della vita quotidiana di individui con Sindrome di Down, attraverso corsi di karate inclusivo; formare tecnici di karate dei paesi partecipanti con specifiche competenze in modo da standardizzare l’approccio del progetto e renderlo trasferibile e replicabile in altri contesti e paesi;  organizzare eventi aperti al pubblico per informare del progetto e le tematiche connesse, come l’importanza dell’attività fisica per il mantenimento di uno stato di salute e i benefici dell’esercizio per la popolazione con Sindrome di Down.

La partecipazione a questo Progetto rappresenta un importante passo nel percorso che la Federazione ha intrapreso per favorire la partecipazione all’attività sportiva e la piena integrazione delle persone affette da disabilità intellettiva attraverso la pratica delle nostre discipline.

Altre News