Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Dominio azzurro a Fuengirola

Fuengirola, 16 marzo 2008. L'Italia ha preso parte per la terza volta al torneo di Fuengirola con la sola squadra femminile composta da 10 atlete. Le ragazze, seguite dai tecnici federali Laura Di Toma e Raffaele Toniolo, hanno conquistato 2 medaglie d’oro, 5 d’argento, 2 di bronzo ed un quinto posto. Le nazioni partecipanti sono state Spagna, le rappresentative regionali della Catalogna, Galizia, Asturie, Andalusia e poi Portogallo, Andorra, Irlanda, Olanda, Danimarca. 44 kg: Luana Di Giorgio ottiene un brillante secondo posto vincendo 3 incontri uno con una forte olandese per ippon e perdendo la finale per yuko; medaglia di bronzo per Melania Marvaldi che ha gareggiato nella cat. superiore in quanto sola nei 40 kg. 48 kg: medaglia d'oro per Giulia Mongello, 4 incontri vinti con grande autorità 52 kg: due italiane in gara e medaglia d'oro per Sonia Arduini. 4 incontri vinti per ippon, medaglia di bronzo per Valentina Covre che ha perso la semifinale per yuko. 57 kg: prestazione brillante di Martina Epifani, 5 incontri vinti per ippon che l’hanno portata alla finale poi persa per yuko. 63 kg. Ingrid Pavese ha conquistato la medaglia d'argento vincendo 3 combattimenti per ippon, ma perdendo poi la finale per waza-ari. 70 kg: due italiane in gara, Linda Politi e Miranda Giambelli. La prima conclude al 3° posto, mentre Miranda vince l'argento con 3 vittorie per ippon. +70 kg: Elisa Marchiò, 3 incontri vinti per ippon, perde la finale con la portoghese. I due tecnici federali sono pienamente soddisfatti dei risultati ottenuti da queste atlete, anche se -secondo il loro parere- con un pò di esperienza in più avrebbero potuto ottenere un’importante vittoria. Ci sono delle lacune da colmare e per questo lo stage di 4 giorni che segue la gara offre un’ottima occasione per iniziare a farlo.  

Altre News