Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Ciclone Di Guida conquista l’oro agli Europei U20

/immagini/6890aa1bca4ef5f95c1ff1934e65a62b.jpg***M_100_Di_Guida_RID.jpg

Lommel (BEL), 18 settembre 2011. Domenico Di Guida ha vinto la medaglia d’oro a Lommel, in Belgio, dove si è disputato il Campionato d’Europa U20 di judo. Nell’Arena De Soeverein il napoletano, che compirà 19 anni il 23 settembre, ha scalato il tabellone dei 100 kg con grande autorità, demolendo tre avversari per ippon ed in finale, il turco Feyyaz Yazici senza il minimo patema. Per Di Guida l’oro europeo non è un’emozione nuova, avendo già vinto a Sarajevo 2008 negli U17, ma nel suo palmares c’è anche un terzo posto mondiale (U20 Parigi 2009) e tre europei (U20 Yerevan 2009, U20 Samokov 2010, U23 Sarajevo 2010), piazzamenti ottenuti però nei +100 kg. Quest’anno invece, “Ciccio” Di Guida ha scelto di cambiare tutto, a cominciare da un soprannome che non gli appartiene più ed un fisico asciutto che ora sorprende per agilità e potenza. «Ci tenevo a far bene e sono soddisfatto – ha detto – ma ora l’obiettivo si punta sul mondiale a Cape Town in novembre». Un trionfo per Di Guida che corona un’altra prova eccellente dell’Italia U20 che chiude con tre medaglie. Greta Poser (bronzo 52), Enrico Parlati (bronzo 66) e Domenico Di Guida (oro 100), una medaglia al giorno, ma anche tre settimi posti, Sara Maria Romano (44), Fabio Miranda (81), Elisa Marchiò (+78). «Poteva andare meglio – ha detto invece Enrico Parlati parlando della sua gara – ho pagato l’ansia, ma sono contento per il bronzo e, soprattutto, determinato in vista dei mondiali». Dopo Edwige Gwend nel 2009 (63) e Andrea Regis nel 2010 (73), Domenico Di Guida ha vinto il terzo oro europeo consecutivo per l’Italia U20. La nota dei tecnici:

«Il napoletano Di Guida (Star Judo Club Napoli), allenato dall’olimpionico Pino Maddaloni, conquista il titolo d’Europa Under 20 nella categoria al limite dei 100 Kg. Dopo l’argento agli EYOF 2007 e il titolo d’Europa del 2008 nella classe Under 17, Di Guida aveva conquistato 2 bronzi agli Europei Under 20 del 2009 e del 2010, un bronzo agli Europei U23 2010 oltre che la medaglia di bronzo al mondiale Under 20 del 2009. Tutte queste medaglie Mimmo le aveva conquistate nella categoria oltre 100 Kg., quest’anno si è presentato nella categoria inferiore e nonostante un sorteggio difficile conquista una bellissima medaglia d’oro. Esentato dal primo turno per sorteggio, l’azzurro affronta al secondo Dibrova (UKR) e alla prima occasione di ne waza lo costringe alla resa per shime waza. Quarti di finale con la testa di serie numero 1 del tabellone, l’idolo di casa Nikiforov (BEL), incontro molto duro che il napoletano tiene sempre saldamente in mano facendo anche sanzionare per passività l’avversario. La parità non si rompe e si va al GS dove alla prime battute DI Guida aggancia la gamba del belga in ko uchi gari che prosegue prendendo il piede e ottenendo un bellissimo ippon. La semi finale vede l’azzurro opposto a Urusov (RUS) che riesce a contrapporre solo la sua prestanza fisica alla maggiore tecnica. Il russo viene sanzionato solo una volta per passività e si va al GS dove, sull’unico attacco di uchi mata del russo, Mimmo piazza un kaeshi da favola che lo porta in finale. L’avversario è l’ostico Yazici (TUR), bronzo ai mondiali U20 del 2010, che Mimmo imbriglia benissimo sulle prese. Gli arbitri capiscono che l’unico ad essere attivo è l’italiano e sanzionano per passività due volte il turco concedendo a Di Guida la gioia di gestire fino in fondo il match e diventare Campione d’Europa Under 20. Bella gara anche di Elisa Marchiò (Società Ginnastica Triestina), allenata da Monica Barbieri, che si piazza al settimo posto nella categoria oltre 78 Kg. Esentata dal primo turno per sorteggio, la triestina fa un buon esordio con la Caroly (FRA) che viene sconfitta per ippon di kaeshi. Quarti di finale con la Notter (GER), poi argento: l’incontro è durissimo e le due non si risparmiano nulla, prima viene sanzionata l’italiana per passività e poi la tedesca per lo stesso motivo. Si va al GS ed Elisa attacca bene con o uchi gari che la tedesca evita ma cadendo sul fianco. Purtroppo la terna non è dello stesso avviso e lo yuko non viene assegnato. Si va alle bandierine e l’azzurra viene beffata in quanto l’arbitro le assegna la preferenza ma i giudici sono di parere opposto. Il recupero vede la Marchiò opposta alla Bank (POL) che comincia forte e fa sanzionare due volte l’azzurra; la triestina reagisce ed attacca facendo sanzionare una volta l’avversaria. Elisa continua a premere e, su un attacco di uchi mata della polacca, a 30” dal termine piazza un kaeshi contato yuko che pareggia l’incontro. Nella stessa azione però, dopo un tentativo fallito di shime waza della Marchiò, la polacca trova lo spiraglio per l’immobilizzazione e beffa la nostra rappresentante. Una nota di merito anche per l’arbitro mondiale Gianluigi Pugnetti che è stato chiamato in tutte e tre le giornate di gara ad officiare il blocco finale. Un ringraziamento particolare a tutti quelli che ci hanno aiutato in questo lungo periodo di preparazione per la gara. In particolare i Comitati Regionali di Veneto e Friuli Venezia Giulia che ci hanno aiutato nella parte tecnica coinvolgendo le rispettive rappresentative regionali per gli allenamenti. Ringraziamo i fisioterapisti che si sono alternati per seguire i nostri ragazzi e aiutarli a superare i momenti difficili dovuti ai piccoli traumi e alla fatica degli allenamenti. Ci hanno assistito nel periodo di raduno Bepi Formenton e Leonardo Rocca. Per la trasferta ci siamo avvalsi della collaborazione di Pina Parlati che ha avuto un ruolo fondamentale per i risultati ottenuti. Anche quest’anno la Commissione Nazionale Attività Giovanile conquista un titolo d’Europa nella classe Under 20. Sia nella classe Under 17 dal 2005, sia nella classe Under 20 dal 2009 siamo sempre riusciti nell’impresa di portare un azzurro sul gradino più alto del podio Europeo. Per noi rappresenta un motivo di orgoglio soprattutto il fatto di accompagnare alla vittoria i nostri atleti nella classe Under 20 dopo che hanno già vinto medaglie nella classe Under 17. Il percorso che molti di questi atleti hanno fatto in questi anni è vincente e ci auguriamo che tutti loro lo continuino nel futuro. Ora ci attende la preparazione per il Mondiale U20 che si svolgerà in Sud Africa la prima settimana di novembre. I selezionati sosterranno un periodo di preparazione a Strasburgo in un camp internazionale e poi saranno a Roma per il raduno di preparazione. A presto, Laura, Nicola, Raffaele».

Classifiche 3ª giornata

-78 kg

1. STEENHUIS, Guusje NED

2. PROKOPENKO, Alena RUS

3. GRACNER, Urska SLO

3. MALONGA, Madeleine FRA

5. MAIRHOFER, Sarah AUT

5. STEVENSON, Karen NED

7. BRANSER, Marie GER

7. INOZEMTSEVA, Ekaterina RUS

+78 kg

1. WEISS, Carolin GER

2. NOTTER, Zita GER

3. BABINTCEVA, Aleksandra RUS

3. SAVELKOULS, Tessie NED

5. BANK, Monika POL

5. TARASOVA, Galyna UKR

7. MARCHIO, Elisa ITA

7. WASEK, Kamila POL

-90 kg

1. KHALMURZAEV, Khusen RUS

2. PALTCHIK, Peter ISR

3. ZARZECZNY, Jakub POL

3. ZGANK, Mihael SLO

5. KUKOVICA, David SLO

5. MERMANISHVILI, Giorgi GEO

7. GLOCKNER, Simon GER

7. KOVTUNOV, Vitaliy UKR

-100 kg

1. DI GUIDA, Domenico ITA

2. YAZICI, Feyyaz TUR

3. NIKIFOROV, Toma BEL

3. URUSOV, Ismail RUS

5. FONSECA, Jorge POR

5. KASZAS, Andras HUN

7. DELVERT, Clement FRA

7. GEIER, Gabor AUT

+100 kg

1. ALLERSTORFER, Daniel AUT

2. MATIASHVILI, Levani GEO

3. HEINLE, Sven GER

3. NASIADKO, Damian POL

5. DIBRIN, Mykyta UKR

5. SARKISYAN, Stepan RUS

7. KRIVOBOKOV, Anton RUS

7. ZABARSKAS, Zilvinas LTU

Altre News