Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Verde settimo agli Europei a Chelyabinsk

/immagini/Judo/2012/eju-27651.jpg

Chelyabinsk, 26 aprile 2012. Falsa partenza per gli azzurri impegnati nell’Ice Arena “Traktor” a Chelyabinsk nella prima giornata del campionato d’Europa. Sei gli atleti saliti sul tatami, ma in casa Italia è arrivato soltanto il settimo posto di Elio Verde nei 60 kg. Il 24enne di Aversa ha saputo mettere in gioco estro e grinta, ma ha alla distanza ha pagato la lunga assenza dai tatami internazionali. “Non male per la prima gara dopo la lunga sosta per infortunio – ha detto il DTN Felice Mariani – direi che ha fatto un ottimo europeo”. Elio Verde infatti, ha liquidato James Millar (Gbr) e Denys Bilichenko (Ukr) per ippon, ma poi è stato sconfitto (per ippon) da Beslan Mudranov (Rus) e Jeroen Mooren (Ned), alla fine primo e terzo. Condizionati dalla tensione invece gli altri azzurri in gara, da Giulia Quintavalle a Valentina Moscatt, Rosalba Forciniti e Francesco Faraldo, tutti fuori subito, mentre Elena Moretti ha piazzato ippon a Maryna Cherniak (Ukr) prima di arenarsi ancora di fronte a Frederique Jossinet (Fra), la sua bestia nera. “Giulia è salita troppo tesa, paurosa – ha detto ancora Mariani – così come Faraldo, ma anche Moscatt e Forciniti, mentre Moretti non riesce a risolvere il problema Jossinet (Fra), con lei non riesce a combattere”. Per più di qualcuno questo passo falso potrebbe costare caro, in attesa dei risultati degli altri campionati continentali appare critica la posizione di Rosalba Forciniti, che perde il 14° posto dell’Olympic Ranking List in seguito alla prodezza di Andreea Chitu (Rou), la vincitrice a sorpresa dei 52 kg. Aveva 144 punti in meno dell’azzurra e ne ha guadagnati 156. Alina Dumitru (Rou) ha vinto nei 48 kg ed è il suo ottavo titolo europeo, mentre Telma Monteiro (Por), prima nei 57 kg è al quarto. La Russia ha centrato l’oro nei 60 kg con Beslan Mudranov e nei 66 kg con Alim Gadanov. Venerdì sei gli azzurri in gara, Andrea Regis e Giovanni Di Cristo nei 73, Antonio Ciano e Francesco Bruyere negli 81, Edwige Gwend (63) ed Erica Barbieri (70).

-48 kg

1. DUMITRU, Alina Alexandra ROU

2. VAN SNICK, Charline BEL

3. CSERNOVICZKI, Eva HUN

3. PAYET, Laetitia FRA

5. JOSSINET, Frederique FRA

5. KONDRATYEVA, Nataliya RUS

7. BOGDANOVA, Liudmila RUS

7. HORMIGO, Ana POR

-52 kg

1. CHITU, Andreea Stefania ROU

2. KUZIUTINA, Natalia RUS

3. KRAEH, Mareen GER

3. TARANGUL, Romy GER

5. CARRASCOSA , Ana ESP

5. GOMEZ R, Laura ESP

7. RAMOS, Joana POR

7. SUNDBERG, Jaana FIN

-57 kg

1. MONTEIRO, Telma POR

2. BOUKOUVALA, Ioulietta GRE

3. PAVIA, Automne FRA

3. ROPER, Miryam GER

5. CLARK, Sarah GBR

5. LOKO, Sarah FRA

7. KARAKAS, Hedvig HUN

7. ZEHIR, Tugba TUR

-60 kg

1. MUDRANOV, Beslan RUS

2. DAVTYAN, Hovhannes ARM

3. MOOREN, Jeroen NED

3. PAPINASHVILI, Amiran GEO

5. PAISCHER, Ludwig AUT

5. ZANTARAYA, Georgiy UKR

7. SHUKVANI, Betkil GEO

7. VERDE, Elio ITA

-66 kg

1. GADANOV, Alim RUS

2. KOWALSKI, Tomasz POL

3. DRAKSIC, Rok SLO

3. SHAVDATUASHVILI, Lasha GEO

5. LAROSE, David FRA

5. UNGVARI, Miklos HUN

7. KARDAVA, Shalva GEO

7. URIARTE MARCOS, Sugoi ESP

Altre News