Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Europei a Chelyabinsk, quinto posto per Di Cristo e Barbieri

/immagini/Judo/2012/Di_Cristo_Elmont_RID.jpg

Chelyabinsk, 27 aprile 2012. Due quinti posti per l’Italia a Chelyabinsk con Giovanni Di Cristo nei 73 kg ed Erica Barbieri nei 70 kg. La seconda giornata dei campionati d’Europa nella “Traktor” Arena dunque, ha registrato la reazione della squadra azzurra e ha disputato due finali per la medaglia di bronzo con un eccellente Giovanni Di Cristo, che ha scalato il tabellone dei 73 kg sino la semifinale ed Erica Barbieri, che ha sfiorato il bis del risultato ottenuto all’Europeo 2011 a Istanbul. «Oggi è stata una bella gara – ha detto Felice Mariani – ed almeno una medaglia ci stava, ma mi è piaciuto che tutti hanno combattuto, a differenza di ieri in cui, ad eccezione di Elio, i ragazzi non sono è riusciti ad esprimere il loro potenziale. Sia Barbieri che Di Cristo avrebbero meritato la medaglia, in particolare Giovanni, ho rivisto il Di Cristo migliore, e penso che se avesse combattuto sempre così non avrebbe avuto problemi a qualificarsi». Tre le vittorie maturate da Giovanni Di Cristo su Marcel Trudov (Mda), Rustam Orujov (Aze) e Dex Elmont (Ned), mentre è stato sconfitto in semifinale da Ugo Legrand (Fra) e per il bronzo da Iosef Palelashvili (Isr). Erica Barbieri invece, ha superato Kherstin Thiele (Ger) ed è stata sconfitta da Edith Bosch (Ned), ha poi vinto con Maria Bernabeu Avomo (Esp) e perso il bronzo con Rasa Sraka (Slo). Andrea Regis (73) e Francesco Bruyere (81) hanno superato il primo turno, mentre Edwige Gwend (63) ed Antonio Ciano (81) sono stati eliminati. La Francia ha conquistato due medaglie d’oro con Gevrise Emane (63) al suo quarto titolo europeo ed Ugo Legrand (73), primo titolo per lui. Quarto titolo anche per Edith Bosch (Ned), prima nei 70 kg ed oro europeo per la seconda volta per Sirazhudin Magomedov (Rus) che ha disputato la finale degli 81 kg con Murat Khabachirov (Rus). Sabato ultima giornata di gare individuali con tre azzurri sul tatami, Roberto Meloni (90), Assunta Galeone e Lucia Tangorre (78).

-63 kg

1. EMANE, Gevrise FRA

2. GERBI, Yarden ISR

3. AGBEGNENOU, Clarisse FRA

3. SCHLESINGER, Alice ISR

5. YUSUBOVA, Ramila AZE

5. ZOLNIR, Urska SLO

7. VAN EMDEN, Anicka NED

7. YLINEN, Johanna FIN

-70 kg

1. BOSCH, Edith NED

2. KLYS, Katarzyna POL

3. ROBRA, Juliane SUI

3. SRAKA, Rasa SLO

5. BARBIERI, Erica ITA

5. BOLDER, Linda NED

7. BERNABEU AVOMO, Maria ESP

7. CONWAY, Sally GBR

-73 kg

1. LEGRAND, Ugo FRA

2. SOROKA, Volodymyr UKR

3. ELMONT, Dex NED

3. PALELASHVILI, Iosef ISR

5. ADAMIEC, Tomasz POL

5. DI CRISTO, Giovanni ITA

7. ISAEV, Mansur RUS

7. WANDTKE, Igor GER

-81 kg

1. MAGOMEDOV, Sirazhudin RUS

2. KHABACHIROV, Murat RUS

3. BOTTIEAU, Joachim BEL

3. OVCHINNIKOVS, Konstantins LAT

5. TCHRIKISHVILI, Avtandil GEO

5. WIECZERZAK, Alexander GER

7. CLERGET, Axel FRA

7. PACEK, Robin SWE

Altre News