Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
Judo

Terzo posto per Nicolas Damico agli Europei U20 a Porec

/immagini/Judo/2012/PorecECU20podio100_copia.jpg

Porec (Cro), 23 settembre 2012. Nicolas Damico è salito sul terzo gradino del podio dei 100 kg a Porec, in Croazia, in occasione del campionato d’Europa U20. L’Italia di Laura Di Toma, Nicola Moraci e Raffaele Toniolo, incassa dunque uno score di due medaglie, entrambe di bronzo, sostenuto però dal piazzamento di altri sei atleti, per due quinti e quattro settimi posti che valgono il 14° posto in un medagliere che registra venti nazioni sul podio a fronte di una partecipazione molto numerosa, 476 atleti di 40 nazioni. Quattro le sfide che hanno accompagnato Nicolas Damico a prendere la medaglia, quelle vinte su Eduards Vezis (LTU) e Alikhan Hasanov (AZE) e, dopo la sconfitta in semifinale con Toma Nikiforov (BEL), su Marius Piepke (GER). Le ambizioni di Valeria Ferrari invece, si sono fermate al settimo posto nei 78 kg.

Classifiche

-78 kg 1. ZIECH, Maike GER 2. MATIC, Brigita CRO 3. GRACNER, Urska SLO 3. MALONGA, Madeleine FRA 5. STEVENSON, Karen NED 5. TURCHYN, Anastasiya UKR 7. FERRARI, Valeria ITA 7. VAN AGGELEN, Babette NED +78 kg 1. BABINTCEVA, Aleksandra RUS 2. SUTALO, Ivana CRO 3. KALANINA, Yelyzaveta UKR 3. WEISS, Carolin GER 5. KARA, Kubra TUR 5. M BAIRO, Anne Fatoumata FRA 7. TAUBE, Clarissa GER 7. ZABIC, Milica SRB -90 kg 1. KHALMURZAEV, Khusen RUS 2. KORREL, Michael NED 3. DE VREEZE, Max NED 3. ZGANK, Mihael SLO 5. FOGASY, Gergo HUN 5. TSULUKIDZE, Rezo GEO 7. LEKAVICIUS, Zilvinas LTU 7. ZUSKO, Bohdan UKR -100 kg 1. ISHIMOV, Oleg RUS 2. NIKIFOROV, Toma BEL 3. DAMICO, Nicolas ITA 3. TUSHISHVILI, Guram GEO 5. MACHTROU, Nabil FRA 5. PIEPKE, Marius GER 7. HASANOV, Alikhan AZE 7. KATIC, Jurica CRO +100 kg 1. MATIASHVILI, Levani GEO 2. DIBRIN, Mykyta UKR 3. KOLESNYK, Andriy UKR 3. KRIVOBOKOV, Anton RUS 5. KAKOVKIN, Petr RUS 5. KHAKHALEISHVILI, Rostomi GEO 7. BRONIEC, Patryk POL

7. DRAGIC, Vito SLO

Il reportage dei tecnici: 

Nicolas Damico (A.S. Centro) allenato da Marco Favaro, fa suo il podio dei 100 Kg. e dimostra di essere tornato ad altissimi livelli dopo il bronzo del 2010 agli Europei U17 nella categoria al limite dei 90 kg. Il piemontese è inserito nel tabellone come testa di serie numero 5 ed è esentato dal primo turno. Al secondo incontro affronta Vezis (LAT) che liquida con doppio waza ari ottenuto prima con o uchi gari e poi con o soto gari. Secondo turno contro il forte Hasanov (AZE); l’incontro è durissimo da un punto di vista fisico e Nicolas non si tira indietro, purtroppo però incappa in un harai goshi dell’azero che marca yuko e deve rincorrere. L’azzurro non perde la calma e a 1’ dalla fine fa sanzionare per passività l’avversario che continua a calare fisicamente e si affida solo a fasi di ostruzionismo. Gli arbitri però non capiscono e deve intervenire la Commissione per far assegnare a 3” dal termine la seconda sanzione all’azero. Si va la GS e la musica non cambia sul tatami c’è solo un judoka che attacca: dopo 40” gli arbitri si riuniscono e puniscono l’azero con il terzo shido che fa volare Nicolas in semi finale. In semi finale l’azzurro è poco accorto tatticamente e viene sorpreso due volte dal potente eri seoi nage di Nikiforov (BEL) che lo condanna alla finale per il bronzo. L’avversario di Nicolas e Piepke (GER) ma Nicolas ha troppa voglia di portare in Italia il bronzo è comincia subito forte facendo sanzionare l’avversario. A 1’ e 30” dal termine in un tentativo di kaeshi del tedesco l’azzurro si appende in o uchi gari non valutato dalla terna. La Commissione però richiama e fa assegnare il sacrosanto waza ari al nostro rappresentante. Nicolas gestisce bene fino all’arrivo della sirena finale e puoi liberare la sua gioia. Non arriva in zona podio invece Valeria Ferrari (FF.GG. Roma) che si ferma al settimo posto. Esentata dal primo turno al secondo incontra Polerowicz (POL) che viene punita con uchi mata contato waza ari e successiva immobilizzazione. Nei quarti la veronese incontra la Stevenson (NED): inizia bene ma dopo 1’ subisce la maggior potenza dell’avversaria che la fa sanzionare ripetutamente fino poi a marcare waza ari di o uchi gari seguito da osae komi su un tentativo di tani otoshi di Valeria. Recupero con Malonga (FRA) che fa pesare la sua maggiore prestanza fisica e piazza dopo poco un potentissimo uchi mata su cui Valeria nulla può. Poca fortuna per Rosetta Melora (Akiyama Settimo), Diego Frustaci (Banzai Cortina) e Ciro Busto (Akiyama Settimo) tutti eliminati al primo turno. Laura, Nicola, Raffaele

Altre News