Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Argento per Gwend nel Grand Prix a Tbilisi, settima Bellandi

images/20170401_TbiliGwend.jpeg

Ostia, 1 aprile 2017. Edwige Gwend ha conquistato la medaglia d’argento nei 63 kg in occasione del Grand Prix a Tbilisi. Tre le vittorie che hanno promosso l’azzurra in finale, sulla kazaka Toren, la britannica Smythe-Davis, decima nella ranking dei 57 kg e l’austriaca Unterwuracher, terza nei 63. Un’ottima prova dunque, per Edwige Gwend che ha centrato la finale nel primo Grand Prix cui ha partecipato dopo Rio e, per il quarto anno consecutivo, è salita sul podio a Tbilisi. Al Golden Score l’austriaca Krssakova ha avuto la meglio, ma non è per questo che Gwend non riesce ad essere felice. “Oonestamente non mi aspettavo troppo da questa gara - ha detto Edwige - dopo l’Olimpiade è stata davvero dura rimettersi, tanti i pensieri e tante le domande, ma grazie ad amici, famiglia, fidanzato e il mio club, le Fiamme Gialle, oggi sono ancora quì. Mentalmente non sono al meglio, una ventina di giorni fa il mio fratello più grande è venuto a mancare, proprio il giorno del mio compleanno. Da allora non faccio che pensare a lui. Perdere un fratello è terribile, sarà un periodo difficile da superare e soprattutto una perdita impossibile da accettare. Questa medaglia – ha concluso - non può che essere sua, della sua compagna e dei 2 splendidi nipotini che ha lasciato”. Alle parole di Edwige Gwend si sono aggiunte anche quelle del coach azzurro Francesco Bruyere: Una gara di passaggio, ma un buon rientro dopo le Olimpiadi – ha detto Bruyere - Eddy ha fatto una grande gara superando avversarie di livello. Un grave lutto familiare e il duro lavoro fatto per preparare gli Europei non l'hanno messa nella condizioni psicofisiche ottimali. Non posso che congratularmi con lei, grazie alla sua determinazione e la sua buona tecnica è arrivata in finale dove purtroppo ha sofferto il judo fisico e scorretto dell’avversaria, ma l’obiettivo rimane fissato sul campionato d’Europa”. Registrate le sconfitte di Francesca Giorda, ieri nei 52 kg con la vincitrice della categoria, la francese Buchard e di Alessandra Prosdocimo, oggi nei 70 kg con Ausma (Ned), Alice Bellandi si è classificata settima nei 70 kg con la netta vittoria sulla kazaka Kashkyn. Domenica Assunta Galeone affronta l’ucraina Turchyn per accedere alla semifinale dei 78 kg.

Altre News