Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Italia ancora sul podio a Taipei, Giulia Pierucci è bronzo!

images/20170822_Giulia_Pierucci_2.jpg

Taipei, 22 agosto 2017. Giulia Pierucci ha conquistato la medaglia di bronzo nei 52 kg all’Universiade a Taipei. Una prova straordinaria la sua, che è cresciuta parallelamente a quella di Anna Righetti, che ha poi concluso al quinto posto nei 57 kg. Anche la terza giornata di gare a Taipei dunque ha riservato grandi soddisfazioni al judo azzurro che ha incassato tre medaglie, l’oro di Valeria Ferrari, il bronzo di Carola Paissoni ed un altro bronzo con Giulia Pierucci. Cinque combattimenti, che sono stati cinque battaglie condotte con grande maturità dall’atleta, classe 1996, di Castelletto sopra Ticino. “Sono emozionantissima, ancora non riesco a realizzare quello che ho fatto. – ha detto Giulia al termine della finale per la medaglia - Per me questa medaglia di bronzo racchiude molto. Non è un traguardo, ma un trampolino di lancio! Ci ho creduto dall’inizio della gara di potercela fare, ero determinata ad arrivare in fondo… mi sono fermata in semifinale con la brasiliana, ma questa sconfitta mi ha dato ancora più carica per andare avanti. Nella finale ho incontrato la russa con la quale avevo già perso una volta, ma la scorrettezza che ha eseguito, ovvero leva al braccio dopo il mate mi ha dato ancora più carica per raggiungere il mio obiettivo! Ringrazio la mia famiglia che è venuta fino a qua per sostenermi, il maestro Sulli che mi ha permesso di partecipare e di arrivare in forma per questa gara e ringrazio anche il mio allenatore Pierangelo Toniolo. Anche se a distanza ha dato il suo contributo”. Il percorso di Giulia è iniziato con la vittoria sulla francese Laura Holtzinger, poi è stato il turno della lussemburghese Kim Eiden, surclassata con quattro waza ari, quindi l’ucraina Kateryna Chertyl, che di waza ari ne ha presi due soltanto. In semifinale è stata la brasiliana Eleudis De Souza Valentim a fermare la corsa della Pierucci, ma non ha scalfito le sue motivazioni, che sono state decisive nella finale per il bronzo con la russa Galiya Sagitova, domata con un waza ari al Golden Score. “Pierucci ha fatto una gara in crescendo – ha detto il coach Massimo Sulli - Si è fermata in semifinale contro la brasiliana, poi però in finale contro la russa si è riscattata e al golden score ha vinto di wazari di gaeshi waza”. Quinto posto invece per Anna Righetti, protagonista di tre splendide vittorie nei 57 kg, sempre ippon a Wright (Australia), Nicolaescu (Romania), Halata (Algeria), ma poi ha ceduto il passo in semifinale a Kwon (Sud Korea) ed in finale per il bronzo con Tamires Crude Andrade da Silva (Brasile). “Gli incontri preliminari li ha vinti con sicurezza e ha mostrato un judo in ne waza di grande livello. – ha detto Massimo Sulli - In semifinale con la coreana aveva recuperato il waza ari di svantaggio e a 6 secondi dalla fine ha subito un waza ari di seoi nage. In finale per il bronzo contro la brasiliana dopo averla dominata per tutto l’incontro si è fatta sorprendere al golden score da un o soto gari al fulmicotone. Rimane tuttavia per Anna una grande gara, anche se dall’amaro in bocca per non aver colto quanto si sarebbe meritata”. Domani ritorna sul tatami Vincenzo D’Arco, dopo la gara nei 100 kg nella prima giornata, si cimenterà questa volta nella categoria Open, senza limiti di peso.

Altre News