Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Straordinario Lombardo, anzi normale! Oro europeo U21 a Sofia

images/EJU-Junior-European-Judo-Championships-Individual-und-Team-Sofia-2018-09-13-Carlos-Ferreira-334144.jpg

144" />Una medaglia d’oro con Manuel Lombardo e poi un quinto e due settimi posti per l’Italia nella prima giornata del campionato d’Europa U21 a Sofia. È certamente un inizio da segno positivo quello degli azzurri che, dei sei atleti oggi in gara, ben quattro si sono classificati e due hanno disputato una finale. Straordinario Manuel Lombardo, ma forse è più corretto dire ‘normale’, perché è in questo modo che è apparsa la condotta di gara nei 66 kg del 19enne torinese ed il suo percorso l’ha visto superare nell’ordine il russo Makhmadbekov, l’israeliano Shaiman, il georgiano Niniashvili ed in finale il russo Chopanov. Ma è stata buona anche la gara di Sofia Petitto nei 48 kg, che ha alternato le vittorie su Malca (Isr) e Stojadinov (Srb) alle sconfitte con Beder (Tur) e Martinez Abelenda (Spa), sempre per ippon. Con il settimo posto si sono concluse le gare di Mattia Martelloni nei 55 kg ed Edoardo Mella nei 66 kg, una vittoria per il primo e due per il secondo, ma la condotta di gara è stata per tutti attenta e generosa. Soltanto Aramu nei 60 kg e Castagnola nei 52 kg sono incappati nella sconfitta al primo turno e, per loro, l’Europeo individuale, si è chiuso là. Venerdì, seconda giornata, con dieci azzurri in gara: Federica Luciano, Silvia Pellitteri (57), Flavia Favorini, Nadia Simeoli (63), Alice Bellandi, Martina Esposito (70), Giovanni Esposito, Alessandro Magnani (73), Kenny Komi Bedel, Christian Parlati (81).

Classifiche Day 1

55: 1) Khalmatov (Ucr), 2) Aliyev (Aze), 3) Aghayev (Aze) e Ozisik (Tur), 7) Martelloni (Ita)

60: 1) Mammadov (Aze), 2) Simeonidis (Rus), 3) Akkus (Tur) e Papinashvili (Geo)

66: 1) Lombardo (Ita), 2) Chopanov (Rus), 3) Borchashvili (Aut) e Niniashvili (Geo), 7) Mella (Ita)

44: 1) Petit (Bel), 2) Puljiz (Cro), 3) Hamidova (Aze) e Sayma (Tur)

48: 1) Dolgikh (Rus), 2) Beder (Tur), 3) Lapuerta Comas (Spa) e Martinez Abelenda (Spa), 5) Petitto (Ita)

52: 1) Mokdar (Fra), 2) Wurfel (Ger), 3) Esteo Linne (Spa) e Marcus Tabellion (Fra)

Altre News