Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Ben tornata Odette Giuffrida!

images/CGS_6646-1540662128-1540662128.JPG

Alzi la mano chi, fino a sabato scorso, non percepiva o immaginava l’ansia di Odette Giuffrida! Chissà se ce la farà a ritornare come prima? Si chiedevano in tanti. E la gioia, mista a sollievo, si è accentuata di conseguenza a quanto più grande è stata l’ansia che ha preceduto la bellissima gara di Odette nel Grand Slam ad Abu Dhabi. “Una gara strepitosa” l’ha definita coach Francesco Bruyere, che ha accompagnato Odette in quest’avventura in ‘solitaria’. ‘Vado sola soletta’ ha detto lei, qualche giorno prima. Fatto sta che, un passo dopo l’altro, Odette Giuffrida ha costruito un capolavoro vero e proprio e chi ha avuto la fortuna e l’occasione di assistere al suo magico percorso, ha sentito un’ansia che andava scomparendo per lasciare il posto ad un’altra, meravigliosa ansia, già percepita chiara e limpida il 7 agosto del 2016. Altra domanda. Alzi la mano adesso, chi all’inizio della finale con Kelmendi non ha pensato: “stai a vedere che questa volta ce la fa?”. Su una cosa non c’è il minimo dubbio, il pensiero di Odette è stato subito chiaro a chiunque, Majlinda Kelmendi compresa. La fortissima kossovara infatti, ha schivato da campionessa quale è il primo attacco di Odette, ma c’è mancato davvero un niente che l’azione andasse a punto e per lei, si è riacceso l’incubo. Budapest, 29 agosto 2017, Majlinda Kelmendi non perde da troppo tempo, esattamente 1.033 giorni, oltre 33 mesi, ma una volta arrivata in semifinale, superando anche Odette, ritrova il sapore della sconfitta con Shishime (Jpn). Che sarà mai? Può succedere. Certo, ma risuccede con Erika Miranda (Bra) nella finale per il bronzo. Da allora non ha più gareggiato. Ed è ritornata proprio ad Abu Dhabi, dov’è apparsa perfetta, fisicamente devastante come nessun’altra al mondo nei 52 kg. Ed è stato a questo punto che Odette ha dissolto ogni dubbio. “Anche se avesse continuato, avrei vinto” ha detto senza esitazioni. “Ho avuto bellissime sensazioni, mi sono goduta ogni istante di questa gara, con la testa libera”. E così le ansie, le paure ed i fantasmi sono ritornati da dov’erano venuti. “Tutti i momenti brutti li ho lasciati là, su quel tatami. – ha detto Odette -Sono felice, questo è solo un mio inizio, da qui si riapre tutto quanto. Ma la strada è lunga, sarà piena di tante belle cose, ed anche se ci saranno altri momenti brutti, tutto questo mi darà solo più forza per superarli”. Ben tornata Odette!