Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Odette Giuffrida, “Judo Winter Camp, si lavora duro ma con il sorriso”

images/large/20190104_WinterCamp27.jpg

Giovani e giovanissimi, tecnici attenti e premurosi, ma anche atleti professionisti, campioni di oggi, di ieri e, soprattutto, di domani. A contarli tutti superano il migliaio le presenze nel Bella Italia Village a Lignano Sabbiadoro in occasione del ventesimo Judo Winter Camp. Sono dodici le nazioni rappresentate, e ci sono la Russia, la Francia, la Slovenia con tutti i migliori, manca solo Teddy Riner. E c’è anche l’Italia, nel senso che sono presenti tutti i migliori atleti del momento, a titolo personale o con la propria società. Qualche nome? Fabio Basile, Odette Giuffrida, Edwige Gwend, Matteo Marconcini, Alice Bellandi, Matteo Medves, Maria Centracchio. E poi, fra i coach, ci sono anche Ylenia Scapin, Roberto Meloni, Antonio Ciano, Paolo Bianchessi, Pino Maddaloni, mentre le parti tecniche dello stage vengono curate dallo sloveno Aljaz Sedej, i russi Ivan Nifontov e Sirazhudin Magomedov, la portoghese Telma Monteiro, con gli italiani Silvio Tavoletta, Marco Caudana, Alberto Porceddu ed Alberto Borin. “Non è la prima volta che vengo al Judo Winter Camp – ha detto Odette Giuffrida – ho perso il conto di quante volte vi ho partecipato. È un ottimo appuntamento per iniziare l’anno e proseguire poi, da qui a Mittersill. Dopo di che inizierà la “guerra”. Gli allenamenti quì sono buoni, il clima è molto sereno e si lavora forte, ma sempre col sorriso”. (Foto Giada De Pra)